Scritta da: Fabio Stancari

Pace interiore

Mentre il vento spinge
e l'onda
culla il mare
l'azzurro pensiero
mi accompagna.
Un arcobaleno
tinteggia l'imbrunir
della sera.
Lontani monti
sovrastano questi versi
e narrano
di nuovi occhi
che gaudenti
più non piangono.
Un sorriso pervade
pace interiore trascendentale.
Fabio Stancari
Composta domenica 10 aprile 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fabio Stancari

    È successo? Si ma è certezza

    L'ho visto da lontano
    Dio mi ha detto
    "non è giunta la tua ora".
    Un suo dito si è illuminato
    Su una nube bianca mi sono ritrovato
    Ho agganciato un deltaplano e dal vento accarezzato
    su una montagna sono arrivato.
    Ho sceso i suoi irti colli
    in pianura mi sono coricato.
    Ho camminato lungo i suoi giardini,
    la stagione era invernale
    ma una margherita fiorita ho potuto trovare,
    meraviglia della natura
    che insegue la radura.
    Alla fine ho scoperto
    ero solo nella mia camera da letto
    non è stato il carnevale, la fiera o l'atmosfera.
    E dopo una carezza al mio viso
    solo un bacio è stato.
    L'immensa emozione mi ha travolto.
    Stasera quel bacio, la mia penna ha accolto.
    Fabio Stancari
    Composta domenica 11 gennaio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fabio Stancari

      Una fortezza

      Un bimbo allattato al seno
      il tenero abbraccio di una madre al proprio bimbo
      la confidenza di un ragazzo, ammalato d'amore, al proprio padre
      le chiacchiere tra padre e figlio?
      Cosa saranno, ho fatto caso al giorno,
      era l'ultimo dell'anno.
      La famiglia?
      Inespugnabile fortezza che tutti hanno,
      ma a cui valore non tutti danno.
      Perché i piccoli momenti nelle nostre vite
      possono diventare grandi eventi.
      Fabio Stancari
      Composta lunedì 5 gennaio 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fabio Stancari

        Un battito d'ali

        Mi addormento,
        quasi dormo a stento,
        mi rigiro nel letto
        lentamente il sonno aspetto.
        Son già nel mio sogno;
        di notte il solito rituale.
        Ma dentro mi è entrata
        in modo trascendentale.
        Il sogno non cambia
        c'è sempre lei nella mia stanza.
        Nell'immenso silenzio
        un fruscio mi risveglia,
        non ho la stufa accesa,
        la musica non va,
        la luce è spenta.
        Ho capito è il mio cuore
        che è ammalato
        un battito d'ali ha dato
        che mi ha risvegliato.
        Nemmeno di notte dormo
        perché l'amore per lei
        mi ha accolto.
        Fabio Stancari
        Composta lunedì 19 gennaio 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di