Chea paròea

E cussì, cussìta, fra noàntri
dò te'à tocà pròpio de dirla
par primo a tì chea paròea
chea paròea che senpre fa paura,
che ne paréa de'vértea sconta
par ben, pa'l tò ben. Senpi sol
a pensar che bastésse nò dirla
drento casa pà podhér seràrla
davero fòra, fòra da tì par sempre
magari, pà tègnerte tel bonbàso
el pì possìbie, drento a'na bèa
bòzha de amór infrangìbie; che
fin'dèss, cò te'ò portà cò mì
a mandarghe un basét co'a manina
a chel nòno che varda in banda,
tramèdho i fiori tel vaso, a i cancèi
del zhimitèro, sempre te'ò dita
dai che andiamo a salutare il nonno
Toni che fa la nanna. E cussì, cussìta,
te'sta sera de afa nanna la fa anca
'sta zhiìga schinzhàdha, co'e àe vèrte,
tel'sfalto macià de ojàzh del parchéio
'ndo fa la nanna vera anca'a mè Fiat
e cussì, cussìta, te'à tocà de dirla
par primo a tì chea paròea maédheta
mì a dirte su'e sòite senpiàdhe del cel
che se'à sbregà, e prima'ncora che
scuminzhiésse a pudhàr'a lengua
tii denti'a prima volta dée dò
tì, cò tuta'a naturàezha dei tò
dò àni, te me'a'à dita cussì,
cussìta, come che te sì bon, senza
'a ère in mèdho, senza nianca punto
de domanda tacà tea coda. Cussì, cussìta
che pà un momento'ò vussù crédher
che te'o'vesse scanbià, che te fusse
drio mostràrme'na moto, un modheìn
dei tui tut a tòchi, co'l dedhìn intrincà
verso chel pòro grumét de péne
là, par tèra, tel parché del parchéio.

E così, così, fra noi
due è toccato pronunciarla per primo
proprio a te quella parola
quella parola che sempre angoscia,
che ci sembrava di avertela celata
per bene, per il tuo bene. Sciocchi noi solo
a pensare che bastasse non pronunciarla
fra le mura di casa per poter chiuderla
davvero fuori, fuori da te, per sempre
magari, per continuare ad adagiarti nel cotone
il più a lungo possibile, dentro una bella
bolla di amore infrangibile; che
sinora, quando ti portavo con me
a soffiare un bacio con la manina
a quel nonno che guarda sempre di lato,
fra i vasi di fiori, ai cancelli
del cimitero, sempre ti ho detto
dai che andiamo a salutare il nonno
Antonio che fa la nanna. E così, così,
in questa sera afosa fa la nanna anche
questo passero spiaccicato, ad ali aperte,
nell'asfalto chiazzato di oliaccio del parcheggio
ove fa la nanna vera anche la mia auto
e così, così
è toccato pronunciarla per primo
a te quella parola maledetta
io a raccontarti le solite baggianate del cielo
che si è squarciato, e prima ancora che
iniziassi ad appoggiare la lingua
nei denti la prima della duplice volta
tu, con tutta la naturalezza dei tuoi
due anni, me l'hai detta così,
così come ne sei capace, priva
di erre in centro, senza neanche il ricciolo di un punto
di domanda sulla coda. Così, così
che per un istante ho voluto pensare
che l'avessi scambiato, che stessi
indicandomi una moto, un modellino dei tuoi
tutto a pezzi, col tuo ditino teso
verso quel povero mucchietto di piume
lì, in terra, nel perché del parcheggio.
Fabio Franzin
Vota la poesia: Commenta

    Il prodigio della resina

    E poi, appena usciti dal bosco,
    loro, entrati in due ed ora
    come fusi, compenetrati ben più
    delle dita intrecciate, loro, adesso
    la continuano quella selva:
    perché lei nasconde genziane sotto le ciglia,
    e lui ha mutato in corteccia la gioia del torace.
    E c'è con loro anche il picchio
    che in quella scorza buca, con il becco
    all'altezza del suo cuore.
    E lì dentro vi deporrà una pigna, un ciuffo di muschio,
    tre foglie di faggio, vi deporrà uno gnomo
    e la sua fisarmonica, l'armonia di un ruscello,
    la calma di un lago, di una radura.
    Lei vi deporrà un sassolino, una piuma bianca,
    una lacrima, una palla di neve, una giovane
    vipera e un orecchino d'argento.
    E lui parlerà affinché non manchi mai l'aria
    nel groviglio sacro dei loro rami.
    Fabio Franzin
    Vota la poesia: Commenta

      El mar. L'amór. E'a mare / il mare. L'amore. E la madre

      Còssa podaràeo mai dirghe al mar
      un òn che l'à remà senpre tea pianura,
      che l'à rumà tera. Servo de l'erba.
      Un che no l'e mai stat bon de inparàr
      a nodàr, a amar. Parché le difizhie
      star a gaea anca tii oci de'na femena,
      drento'e so onde, 'e so corenti.
      El pol sol'ndar da Lu, entrar caminando
      fin che l'aqua ghe toca'a sbèssoea.
      Sintìr'a sabia sote i pie come che'a sie
      'ncora'a tèra. 'N'antra, pì smòrveda. Pì bona.
      E star là. Co'a testa fòra.
      Come un putèl, co'l nasse.
      Come che'l mar deventesse'na mare.
      Fresca. Chièta. E zà cuna.
      Sote'l sol, o'e stée
      che i'a incorona.


      Cosa potrà mai confidargli al mare
      un uomo che ha remato sempre nella pianura,
      che ha scavato nella terra. Schiavo dell'erba.
      Uno che non ha ancora imparato
      a nuotare, ad amare. Perché è difficile
      restare a galla anche negli occhi di una donna,
      dentro le sue onde, le sue correnti.
      Può solo recarsi da Lui, entrare camminando
      sino a che l'acqua gli sfiora il mento.
      Sentire la sabbia sotto i piedi come se fosse
      ancora la terra. Un'altra, più morbida. Più benevola.
      E stare lì. Con la testa fuori.
      Come un bambino, quando viene al mondo.
      Come se il mare diventasse una madre.
      Fresca. Colma di pace. E già culla.
      Sotto il sole, o le stelle
      che la incoronano.
      Fabio Franzin
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di