Scritta da: Fabio Bosco

Parallele frequenze

Cambio direzione
muovendomi a stento
tra oceani immensi
e sperduti deserti

sento il ghiaccio rovente
un calore agghiacciante
vedo il buio accecante
ed il sole morente

cambio direzione

sospinto dal vento
che soffia impetuoso
e mi trascina impotente
verso mete lontane

vedo luoghi immortali
viaggi sensazionali
provo a scuotermi appena
la mia mente è serena

cambio direzione
alterando i miei sensi
provando ad esplorare
parallele frequenze.
Fabio Bosco
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fabio Bosco

    Capodanno

    Il silenzio opprimente
    rotto dallo scroscìo di pioggia insistente
    laceranti sensazioni di noia
    opprimono ancora sussulti di vita
    la mente scivola in fredde memorie
    di un angosciante passato
    disarmante lamento
    per ciò che non è stato.

    Manca qualcosa per cui lottare,
    uno scopo, una meta,
    un tenero abbraccio;
    manca qualcosa per cui gioire,
    un semplice gesto
    la magia di un bacio.

    Un silenzio opprimente,
    rotto da un pianto
    muto e insistente.
    Fabio Bosco
    Composta mercoledì 30 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fabio Bosco

      Attimo

      Una biro che scorre su carta
      emozione impressa e ormai morta
      un labile fremito di un'anima instabile
      a scuotere un corpo freddo ed immobile.
      Una lacrima ne illustra l'umore
      sensazione di irridente dolore
      per quel senso di gioia perduto
      in un attimo vissuto e svanito.
      Una sorta di eterno inganno
      ciò che vivo da sempre all'interno,
      una gioia che attraversa il mio corpo
      e che il vento soffiando allontana,
      disperdendone il ricordo
      tra nere nubi di pioggia.
      Fabio Bosco
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fabio Bosco

        Ancora ascoltami

        Adesso ascoltami
        prova un po a scioglierti
        prova a farmi entrare
        dove i tuoi intimi pensieri
        li senti naufragare
        dove vivi l'emozione nel modo più intenso
        dove spesso le parole
        non spiegherebbero il senso
        Ancora ascoltami
        prova un po a scioglierti
        prova a lasciarmi riscaldare
        quel gelo che hai dentro
        e adesso credimi
        lasciami provare a mischiare i due dolori
        sciogliamoli sognando
        e tastiamone il sapore
        illudendosi sia amore.
        Fabio Bosco
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di