Poesie di Eugenio Isidoro

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: hugo boss

Scese la Pace

Cadde la neve soffiò il vento
era giunto l'inverno
il mio sguardo scrutò dalla finestra
un brivido mi colse all'improvviso
laggiù fra le nubi
apparve il tuo viso.
un raggio di sole squarciò il cielo
il suo calor mi scaldava
ma il ricordo di quel viso bruciava
vidi un lampo sentì un tuono
tutto si fermò in quel frastuono
poi scese la Pace...
Eugenio Isidoro
Composta martedì 9 maggio 2000
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: hugo boss

    Ti Amo

    Ti Amo.
    come il sole ama la luna
    come la terra ama la pioggia
    come le foglie amano la rugiada
    Ti Amo.
    Nemmeno i maremoti del Giappone
    i terremoti della California e
    gli uragani delle Indie Occidentali
    potranno spazzar via il mio eterno amor...
    Ti Amo.
    come il pesce ama l'acqua
    come la farfalla ama i fiori
    come gli uccelli amano il cielo
    Ti Amo.
    nemmeno il ghibli del deserto
    i monsono cinesi
    la bora di Trieste
    potranno distruggere il nostro amore indelebile...
    Eugenio Isidoro
    Composta lunedì 16 luglio 1990
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: hugo boss

      Amicizia e Amore

      L'amicizia non è solo
      parlare insieme
      non è solo amore, desiderio e dolore,
      è molto di più che leggere negli occhi
      della gente i tuoi pensieri,
      le tue parole, i tuoi sogni...
      l'amicizia è un sorriso come
      una finestra sul mondo
      così questo sorriso divampa nei cuori.
      L'amicizia è una mano tesa per dire che nn si è mai soli
      e ovunque la si può stringere...
      ma la nostra amicizia
      è qualcosa di più...
      È Amarsi senza accorgersene.
      Eugenio Isidoro
      Composta martedì 20 settembre 1994
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: hugo boss

        Primo Sorriso

        Or dunque
        fosti tu che rendea col tuo primo sorriso
        così dolci e allegre le mie giornate?
        Fosti tu triste e malinconica
        a venir da me per accoglier giudizio?
        Tu dunque
        che come Venere
        nascje da acque antiche e fatali...
        non aver paura di lasciarti andare!
        poiché il mio giudizio è sol d'amor.
        Fanciulla divana,
        sappi accettar il mortal fato
        perché esso è tuo amico
        e può rendere meno mesta
        la tua vita terrena!
        Oh! anima mia
        non pianger per la mal sorte
        rendi questi versi sol amorosi
        perché di lei abbi un dolce ricordo!
        Eugenio Isidoro
        Composta sabato 6 novembre 1993
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di