Scritta da: Erika Moon

Solo parole

Che cos'è il sacrificio? Dimmelo.
Ho bisogno di un consiglio, ma quanto dura è chiederlo a chi non può ascoltarti.
Che cos'è l'amore? Amavo.
Amo ancora, con la luce. Ma io con il buio piango.
Chi potrà capire? Non senti.
Ho bisogno d'arte e di poesia.
Sento ancora l'odore delle mattine troppo fredde, e al tatto eccoli quei colori unici della vita con te.
Quale sarà il futuro? Una noce rotta.
Amerò le stanze, ma chiuderò gli armadi, per evitare i fantasmi.
Non dirmi un giorno, quanto faceva male. Ne soffrirei.
Erika Moon
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Erika Moon

    Amiche

    Su una panchina, osservando i gabbiani
    volare.

    È così che iniziammo a parlare di voi,
    dolci uomini nostri,
    pungenti come spogli rovi,
    inclinati ai nostri impercettibili
    perché.

    È l'amore a parlare sussurrando
    dalle bocche di due amiche
    che hanno voglia solo, nel mondo,
    di provare.

    Su una panchina, lontane dagli altri
    con sorpresa negli occhi
    e la voglia di dire un "si".

    Imparammo solo allora che non è importante volare insieme.
    È' solo necessario avere la stessa meta. Per Amore.

    Siete cambiati, dolci uomini nostri
    siete stati sbagliati e disonesti.

    Aspettando la meta per perdonarvi, noi,
    insieme, affrontiamo il viaggio.
    Erika Moon
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Erika Moon

      Il rumore del silenzio

      Quando ci tremano le mani
      noi le alziamo fino al cielo.
      Per vivere.

      Quando amiamo scendono
      le piccole lacrime e le grandi.
      Per sopportare.

      Ogni sorriso che sboccia timido
      sente dentro noi un attimo.
      Per viverlo.

      Quello che siamo rimane e a volte corre.
      Per non morire.

      Ogni volta che non siamo
      perdiamo un po' di noi. Cadiamo.
      Per crescere.

      È giusto fare il possibile,
      al confine esiste l'impossibile.
      Per assaggiarne il sapore, noi.
      Erika Moon
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Erika Moon

        Coccinelle

        A giocare in una via in cui sono sole. Abbandonate
        dalla vita, ma non dall'amore.
        Una sopra l'altra, affogate
        dalle parole, nascoste dai silenzi.

        Abbracciate nella grande
        Ricchezza della loro umiltà.
        Schiacciate dalle mani della pietà,
        ma essi non sanno.
        È il loro sorriso a generare
        la nostra acqua. Piccole.

        Sono Solo due bambine che
        Non hanno avuto tutto, ma lo donano.
        Sono coccinelle bagnate che
        Dobbiamo tenere nelle mani.

        Corridoi bianchi.
        Porteranno i colori e a noi
        fortuna. Perché la nostra
        fortuna giace nel nostro
        poterle amare.
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di