Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Enzo Fiore

Per Alice

S'io fossi meno timido e discreto
forse te canterei nà serenata
ma sono più portato cò la penna
nun è la mano ma er core che comanna.
perché si stò davanti all'occhi tua
a me pure la voce me va via
ma resta pe' fortuna L'emozione
D'avecce stà ragazza dentro ar core.

Quanno la sera m'affaccio a la finestra
e vedo quelle stelle co' la luna
le guardo da sinistra fino a destra
eppure come te non c'è nisuna.
Lo sò, so' paragoni un po' banali
che vanno bene solo pe' le rime
ma chi me piace a me, sei te, ali
e pè capillo nun tocca esse delle cime.

Mò spero che sti quattro ritornelli
scritti da un poeta principiante
risultino pe' te almeno belli
magari co' un qualcosa e'eccitante
in modo che ogni volta che rileggi
ste frasi che t'ho scritto questa sera
nasca dall'occhi tua un soriso...
pe' me sarebbe un sogno che s'avvera!
Vota la poesia: Commenta