Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Enzo Di Maio

14 maggio 1943

Cupi rumori lontani,
simili al venir di tempesta
ed ad un tratto tutto attorno la vita s'arresta.

Sibili, e poi fragori di bombe potenti
coprono di un popolo urla e lamenti.
In terra corpi, macerie,
frammenti di vetro tagliente,
ieri finestre, occhi di gente
che guardava distratta passare altra gente.

Anime tra fiamme maligne, che bruciano vita.
Un fumo acre, che oscura,
nasconde pietoso stupore e paura.

Attimi uguali a secoli
e secoli cancellati da attimi,
così' la guerra distrugge i popoli.

Dolore e sangue, offerti ad una patria assente.
Muore Civitavecchia
ma mostra il petto e grida presente.
Muore e non sarà mai più com'era.
Il futuro ignora un passato
oramai mutato a chimera.
Composta lunedì 5 maggio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Di Maio

    Quando il mare è arrabbiato

    Quando il mare ti appare arrabbiato
    è invece il momento che ti dona se stesso.
    Quando il mare ti appare arrabbiato
    ne ascolti il suo canto che ti resta impresso.

    Le onde si infrangono sulla scogliera
    impalpabili umori salmastri impregnano l'aria
    e la rendono fiera.

    Quando il mare ti appare arrabbiato
    un mondo sommerso sorride e fà festa,
    si muove la vita, si nutre contenta
    danzano le alghe sembrando foresta.

    Quando il mare ti appare arrabbiato
    la spiaggia deserta si apre a te solo,
    la godi, la vivi e rimani estasiato
    con i piedi nudi e bagnati
    guardando lontano e ammirando il creato.
    Composta lunedì 28 aprile 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Di Maio

      Io mo esco

      Er monno è brutto
      là de fora
      ma io mo esco
      se no stà certo che peggiora.

      Tu dice bene, nun te impiccià,
      fatte l'affari tua,
      ma se er mio fjo
      domani morirà de fame
      la colpa di chi sarà
      la mia o la sua?

      Io sò er popolo
      e tocca a me pulì sta zozzeria
      avoia se so cazzi mia.
      Dicono che sò sovrano
      ma fino a adesso
      manno sempre rotto er deretano.

      Io mo esco,
      nun se po esse sempre calmo e bono,
      n'avolta almeno
      s'à da esse omo.

      Io mo esco,
      amico mio,
      e se nun torno, fà er favore,
      bussa a casa mia,
      dije che l'ho fatto pe l'onore
      e perché era pure ora de di basta
      a quelli che stanno sempre in festa
      e adè na vita
      che ce cachino in testa.
      Composta sabato 19 aprile 2014
      Vota la poesia: Commenta