Scritta da: henry persempre

Ritratto di donna

Potessi rimontare la tua indolenza
risalire ai tuoi pensieri.

Immaginarli come profumo di gerani
alle narici.

Guardare i tuoi occhi mentre si fa l'amore.

Vederti tigre con i lineamenti stravolti
all'apice del piacere.

Osservare l'attimo in cui ti
lasci andare a una dolcezza ansimante e muta.

In questo istante, vorrei essere una lama affilata
come l'amore, per trafiggerti l'anima.

Levigata come ciotolo di riva.
Enrico Zaghini
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: henry persempre

    Impossibile dormire

    Impossibile dormire questa notte a Tahaua Bay.
    Le stelle sono troppo basse, troppo vivide, troppo vicine.
    Cadono schegge di un sogno che non voglio
    sulla riva, sui ciottoli, sul mormorio della risacca.
    Sulle perle di schiuma, sui tuoi occhi scuri
    sul tuo corpo languidamente disteso.

    Sotto la luna, i tuoi riccioli sembrano fili
    d'argento nero seta.
    Brilla il miele del tuo sesso a fior di labbra.
    Qui! è impossibile dormire: questa notte.
    Enrico Zaghini
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: henry persempre

      Due petali dal cielo

      Esuli da una città di confine, abbiamo calpestato
      scale consunte per salire fino a due petali dal cielo
      soli! Oggi non servono parole, è tempo di vedere
      attraverso i tuoi occhi, il cielo sopra i tetti,
      seguire, sulla punta delle dita, la tua pelle
      cercare l'orlo delle tue mutandine, sotto il vestito
      Lasciarmi travolgere dalla tua onda
      sentirmi pioggia, che si perde nel tuo mare.

      Comprerei per te, un cartoccio di spicchi di sole... Le dico

      Sul letto, disteso, osservo la tua figura
      nuda, seduta sul davanzale della finestra
      i capelli scarmigliati, da una folata di vento.
      mentre sorseggi boccate avide dalla sigaretta
      la sera ha schizzato di ombre e luci lo sfondo
      del tuo primo piano, assorto.

      Non vorrei più andare via di qua amo essere così vicina al cielo,
      spaziare sui tetti, mi da la sensazione d'essere un gabbiano... Dici

      È settembre, il cielo è solo nostro
      e tu taci così bene, che le mie domande cadono
      mute oltre il davanzale, dove scorre il tempo
      di questa stanza.
      La tua immagine nuda nella cornice della finestra
      è un quadro astratto che la vita, ha disegnato oltre confine.
      Enrico Zaghini
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: henry persempre

        Non invano

        Non soffia invano il vento
        non invano c'è burrasca.
        Oggi ho pensato a te
        al vento tra i tuoi capelli scuri
        a te che mi passi accanto
        e sulla pelle scorre un aprirsi di vele
        al vento fresco, agli anni,
        che ho vissuto prima di te e al ponte, che attraverserò
        prima di te
        ai sogni tenuti al guinzaglio.
        Tutto questo me lo porterò dentro
        senza sforzo, il giorno in cui dovrò
        a malincuore attraversare il ponte
        spandendo come briciole il tuo ricordo
        per i passeri del borgo.
        Enrico Zaghini
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di