Assieme

Non starò fermo ad aspettare
che tu vada via col tempo.
Per anni ho coltivato sogni
da condividere con te.
E se uscirai dalla porta, io verrò con te.
Salirò su tra i cieli e ti seguirò,
come un'angelo custode ti difenderò.
Finché non troverai chi ti protegge
meglio di me, non ti lascerò.
Curerò le tue malattie,
consolerò i tuoi pianti,
fermerò il passare del tempo,
darò soluzione ai tuoi problemi,
nasconderò le tue debolezze
e scaccerò le tue paure.
Ti cullerò ogni notte,
ti racconterò una favola
e ti farò tornare bambina
proprio come ti ho conosciuta.
Rivivremo assieme la nostra giovinezza,
ma stavolta non sbaglieremo nulla.
Prenderemo coscienza di quello che siamo
l'uno senza l'altro: deboli entità incomplete.
Mi insegnerai cosa vuol dire essere felici,
da me imparerai ad amare,
a non fermarti di fronte ai tuoi timori.
Non ti farò innalzare il muro che m'impedisce
di giungere al tuo cuore e mi nutrirò del suo calore,
lo terrò vivo e lo coverò dentro me.
Piangeremo e gioiremo assieme,
e se uno sarà felice l'altro lo sarà pure,
se un triste l'altro piangerà con lui,
e ci muoveremo come delle onde nel mare,
all'unisono per infragnerci sulla costa
ed ad ogni passaggio rubare qualcosa di essa.
Impareremo il significato di vita
e cammineremo assieme tenendoci per mano.
Quando sarà buio urleremo per trovarci
e quando pioverà staremo sotto lo stesso ombrello.
E se qualcosa ci separerà noi ci rincontreremo in sogno
e conteremo i secondi e i metri che ci separano.
Non importa quanti saranno
perché non possiamo nemmeno pensare
che vita sarebbe l'uno senza l'altro.
Come goccie di pioggia,
nate da due nuvole diverse
unite dal vento del destino,
voleremo assieme ed assieme atterreremo...
Enrico Uscieri
Vota la poesia: Commenta

    Immortale

    Voglio essere il cofanetto
    dove nascondi tutti i tuoi sogni,
    il diario dove scrivi tutte le tue giornate,
    la coperta con la quale ti copri dal freddo,
    il tuo braccio per sollevarti da ogni sforzo,
    la tua mente per aiutarti in ogni gesto,
    il rumore dei tuoi passi per sempre gioire del tuo arrivo,
    le tue lacrime per poter scivolare sul tuo viso
    e consolarti nei momenti difficili,
    il tuo specchio per poterti vedere
    la mattina, con i capelli arruffati e l'aria assonnata.

    Ma sopprattutto vorrei essere la tua anima
    per non lasciarti mai e così renderti immortale.
    Enrico Uscieri
    Vota la poesia: Commenta

      Dipingerò

      Dipingerò il tuo viso
      sui soffitti di ogni camera,
      sulla faccia della gente,
      su ogni mio pensiero,
      su ogni mio perdono pronunciato,
      tra le stelle di una notte nera,
      sulla nebbia che oscura la mia vita,
      su ogni mio sogno,
      sui ciottoli della strada,
      sui cartelloni pubblicitari,
      sui fogli di giornale,
      sulla superficie dell'acqua,
      sulle cortecce degli alberi,
      sul pavimento degli aeroporti,
      su ogni fiore della primavera,
      su ogni canzone d'amore,
      su ogni goccia di pioggia,
      su ogni alito di vento,
      con colori indelebili
      donatimi dall'emozione
      di amare davvero,
      per ricordare a tutti
      quanto ti amo,
      per chiederti scusa
      di ogni mio sbaglio imperdonato,
      per vederti ogni giorno
      e in ogni dove,
      per non farmi dimenticare da te,
      per passare anche solo un'ora
      perso insieme a te
      tra le nostre fantasie,
      per sorridere scioccamente
      tra me vagando nei miei ricordi,
      per farti cantare ancora un po'
      riempiendo il silenzio dell'atmosfera
      che mi circonda,
      per presentarmi alle porte del paradiso
      e scusarmi con Dio perché
      ho dato tutto ciò che potevo dare a te
      e per lui invece non è rimasto niente,
      per strapparti un'altra risata,
      per farti arrossire di nuovo,
      per poterti riabbracciare,
      per risvegliare gli amanti che da tempo
      hanno dimenticato perché amano,
      per rendere speciale ogni tuo giorno,
      per fare arrivare prima l'Estate,
      per non stare fermo con le mani nelle mani
      mentre tu ti allontani da me,
      per dirti che non sono nessuno d'importante,
      ma che comunque per te cercherò di essere qualcuno,
      per farti brillare gli occhi,
      per rendere il mondo felice,
      per cancellare la violenza di chi
      non ha la fortuna di riuscire ad amare,
      per sconfiggere le tue paure più forti,
      rendermi il tuo scudo e la tua spada
      ed insieme affrontare le difficoltà,
      per parlare per ore ed ore
      della nostra storia d'amore,
      per fa notare alla natura stessa
      quanto tu sia fantastica ed unica.
      Perché tu lo sei davvero
      ed io ti amo davvero.
      Enrico Uscieri
      Vota la poesia: Commenta

        Speranza

        Continuano a calpestarti,
        a sputarti addosso e stremarti.
        Non smettono di romperti
        in frammenti sempre più piccoli ed insignificanti,
        però continui ancora ad esserci noncurante dei segni
        che circondano la tua esistenza futile e dolorosa.
        Non ti arrendi nemmeno quando tutti ormai ti danno per persa.
        Sei dannata nella tua insistenza di voler vivere.
        Non capisci quando è tempo di morire?
        La tua presenza non è più gradita, abbandonami
        una volta per tutte, cosa diamine continua a tenerti in vita?
        Cosa diamine ci trovi di positivo in un "no"?!
        Smettila di aggrapparti a me non ti voglio.
        Lasciami vivere in pace il mio dolore!
        Non mi servi più mi fai solo del male.
        È ora pure per me di smettere di sperare.
        Enrico Uscieri
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di