Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Emily Dickinson

Poetessa, nato venerdì 10 dicembre 1830 a Amherst, Massachusetts (Stati Uniti d'America), morto sabato 15 maggio 1886 a Amherst, Massachusetts (Stati Uniti d'America)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Proverbi.

Scritta da: Silvana Stremiz
Although I put away his life -
An Ornament too grand
For Forehead low as mine, to wear,
This might have been the Hand
That sowed the flower, he preferred -
Or smoothed a homely pain,
Or pushed the pebble from his path -
Or played his chosen tune -

On Lute the least - the latest -
But just his Ear could know
That whatsoe'er delighted it,
I never would let go -

The foot to bear his errand -
A little Boot I know -
Would leap abroad like Antelope -
With just the grant to do -

His weariest Commandment -
A sweeter to obey,
Than "Hide and Seek" -
Or skip to Flutes -
Or all Day, chase the Bee -

Your Servant, Sir, will weary -
The Surgeon, will not come -
The World, will have it's own - to do -
The Dust, will vex your Fame -

The Cold will force your tightest door
Some February Day,
But say my apron bring the sticks
To make your Cottage gay -

That I may take that promise
To Paradise, with me -
To teach the Angels, avarice,
You, Sir, taught first - to me.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    Osi vedere un'Anima al Calor Bianco?
    Allora rannicchiati dietro la porta -
    Rossa - è la tinta comune del Fuoco -
    Ma quando il vivido Metallo
    Ha sconfitto la condizione di Fiamma,
    Esce fremendo dalla Fucina
    Senza colore, eccetto la luce
    Di una Vampa profana.
    Il più piccolo Villaggio ha il suo Fabbro
    E l'incessante echeggiare della sua Incudine
    Assurge a simbolo di una Fucina più sottile
    Che senza suono batte - dentro -
    Raffinando questi impazienti Metalli
    Col Martello, e con la Vampa
    Finché la Luce Designata
    Ripudia la Fucina.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      Il Mattino dopo il Dolore -
      È spesso un Cammino -
      Che supera tutti quelli levatisi prima -
      Per Giubilo assoluto -
      Come se la Natura fosse indifferente -
      E accumulasse le sue Fioriture -
      E per ostentare ancor di più la Gioia
      Fissasse la sua Vittima -

      Gli Uccelli declamano le loro Melodie -
      Pronunciando le parole
      Come Martelli - Sapessero che si abbattono
      Come Litanie di Piombo -

      Qua e là - su una creatura -
      Modificherebbero il Canto
      Per adattarlo a una Chiave da Crocifissione -
      A una Tonalità da Calvario.
      Vota la poesia: Commenta