Poesie di Emanuele Zarba

Scrittore, nato domenica 23 marzo 1986 a Gela (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Emanuele Zarba

La forza dell'Amore

Il mare è vivo, senti il suo respiro
Infinite pianure colorano di verde i tuoi pensieri
Il mattino profuma di prosperità
Il cielo, così innocente, sembra disegnato da un bambino

La tristezza
La solitudine
La paura
L'ansia
Diventano frammenti di emozioni condivise con le tenebre

L'amore reinventa i tuoi sogni
Infrange la finta realtà dei tuoi giorni

Ti Voglio Bene
Ti Amo

Parole
Oh le parole
Rubano il sapore delle labbra per vestire i sensi
Leggiadre carezzano la tua anima corazzata
D'un tratto, dici tutto ciò che pensi.
Emanuele Zarba
Composta mercoledì 26 gennaio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Emanuele Zarba

    Pensiero introspettivo

    Io che...
    guardo l'infinito e credo che un giorno lo toccherò con un dito
    Io che...
    invento parole per ricucire le ferite del cuore
    Io che...
    vorrei far vivere una notte al sole
    Io che...
    custodisco l'onore con tanto ardore
    Io che...
    bevo fino ad ubriacarmi in equilibrio sul cornicione
    Io che...
    ogni tanto indosso una maschera di cera
    Io che...
    vorrei portarti sulla luna in mongolfiera qualche sera
    Io che...
    mantengo le distanze dai venditori di ipocrisia
    Io che...
    scelgo di giocare con la fantasia
    Io che...
    fermo il tempo per scrivere una poesia
    Io che...
    immergo nel fango i miei ricordi
    Io che...
    giorno e notte colleziono sogni
    Io che...
    gioco a palle di neve con la sabbia bagnata
    Io che...
    odio una nota stonata
    Io che...
    ringrazio i miei genitori per il miracolo
    Io che...
    sbuffo davanti a un oracolo
    Io che...
    lotterò fino alla morte con la noia
    Io che...
    alla matematica preferisco un libro di storia
    Io che...
    sfido le donne ad amarmi infinitamente
    Io che...
    uso la passione come un essenziale ingrediente
    Io che...
    a volte mescolo errori con i sentimenti
    Io che...
    cerco nemici negli sguardi contenti
    Io che...
    amo stuprare le menti
    Io che...
    sono felice a momenti
    Io che...
    vorrei non saper né leggere né scrivere
    Io che...
    a volte vorrei non capire
    Io che...
    la mia migliore amica è la mia mente
    Io che...
    mi diverto a osservare la gente
    Io che...
    mi perdo in un bicchiere di vino
    Io che...
    semplicemnte vivo!
    Emanuele Zarba
    Composta mercoledì 26 gennaio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Emanuele Zarba

      Si sfiora la perfezione

      Quando il buio dona lucentezza ai difetti
      Quando la pelle è percorsa da un brivido ghiacciato
      Quando le lingue degli amanti leccano le anime impaurite
      E l'adrenalina della notte sveglia i sensi
      Quei sensi nascosti che implorano attenzione. Evasione.
      Quando un batter di ciglia riesce a toccare il cuore
      Quando il sudore inebria i corpi di passione
      E la mente riesce a mutare le paure
      Padroneggiano le timide sensazioni
      Le emozioni fioriscono
      Leggiadramente
      Si sfiora la perfezione.
      Emanuele Zarba
      Composta venerdì 10 dicembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Emanuele Zarba

        Il tuo nome è Felicità

        Sei arrivata all'improvviso
        Come un raggio di sole a dipingere il mio viso
        Con un bagaglio di sentimenti impazienti
        A nutrire il mio cuore stremato dagli stenti
        Rendendoti protagonista dei miei giorni
        Vergando e indorando i miei sogni
        Il tuo nome è Felicità
        Il tuo sorriso non ha età
        Grazie per aver rilevato la mia vita dal baratro
        Vivevo un gioco spietato da nessuno arbitrato.
        Oggi
        Ad ogni risveglio occhi ad occhi lo imploriamo
        Perché il buon giorno si vede dal "ti amo"
        Benvenuta Felicità delirante
        Le nostre vite sono unite incondizionatamente
        Da un maestoso sentimento
        Io e te
        Lo scudo contro un mondo violento.
        Emanuele Zarba
        Composta domenica 6 settembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Emanuele Zarba

          Il mio strumento preferito

          Accecato dalla bramosia di vita
          Baratto il tempo con la follia
          Corro sulle nuvole a piedi nudi
          Inzuppando nei colori di un arcobaleno
          I miei umili sogni ancora crudi

          Il broncio strozza l'anima di chi aspetta invano la luce
          Ma non c'è luce che valga un sorriso

          Ipnotizzato da un mondo depresso e petulante
          Continuo a suonare il mio strumento preferito: La mia mente.
          Emanuele Zarba
          Composta mercoledì 26 gennaio 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di