Al mio cane bassotto

Verso sera
il tuo sguardo cambia
quasi fossi consapevole
del nostro tempo
condiviso tra piatto e ciotola,
letto, cuccia, lontananze.
La mia colpa è non avere una coda
da muovere velocemente
e il tuo destino è vita breve
per starmi accanto.
Spesso gli amici
non lo sono.
I cani lo sono sempre.
Verso sera
preferisco tenerti stretta
perché il buio
non ti possa rubare
all'amore dato e ricevuto.
Verso sera
non voglio lasciarti sola.
Attendo sempre il domani
per accarezzarti
piccola mia.
Elisabetta Robert
Composta domenica 14 febbraio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di