Scritta da: Bluporpora
Colgo dalle mani l'acqua che invidiosa scivola via
come nuvole radiose scappa dalle dita piccole e sottili
come i fanciulli è il tuo sorriso; le lacrime
ornano i miei occhi sconfortati dalla potenza del tuo sguardo
entrare vorrebbero in quel verde prato e sdraiarsi al sole
con i piedi scalzi... e invece a me rimane la notte
sorella eterna d'una ladra, quale è la luna, che ardita
cattura e fa propri i raggi del sole. Non voglio
che tu veda le mie lacrime, non voglio
che scopri il tranello di Diana, vergine cacciatrice d'animali
quali uomini appaiono; ma cucciolo di drago
pericolosa e lussuriosa creatura. Silente
lotta ardita una battaglia che non può e non vuole vincere.
Chi sei tu che squilibri il sottile equilibrio del nulla.
Non è giusto l'amore è sleale l'amore, distrugge la vita
e infrange ciò che stringendo i denti avresti costruito, precario
come libellule si posano sull'acqua. Cattivo amore
hai distrutto la mia notte, incantata ed oscura, maligna e dolce,
ornata da un pizzo nero di stelle. Cattivo amore
che trascinata mi hai alla luce del giorno, sfolgorante e
crudele, scalfisce la mia pelle lesionata.
Ma niente di più caro rispecchia il sorriso della luna
se non i tuoi occhi.
Eleonora Calabrò
Composta nel 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Bluporpora
    Non credi che forse sarebbe più appropriato
    sognare? Perché non fai anche tu
    parte di quella schiera? Sono mortali
    ma pur sempre essenze.
    Non credo che sia giusto appoggiarsi
    a coloro che chiedono e non mangiano
    come onde di mare sarebbe bello
    volare e affogare dolcemente.
    Se guardo la luna mi viene tristezza
    perché troppo vi somiglio.
    Però a me piace e continuo malinconica
    il mio cammino, non so dove vado
    eppure cammino, mi sembra di sostare
    immobile senza meta e pietrificata
    non sarò mai ciò che desidero
    e forse non sopravviverò alla mia stessa
    follia. Ma cosa importa
    Credi vero alla vita e alla felicità e
    che essa esista? Dicono che è in noi
    ma noi non lo sappiamo. Sappiamo
    di vivere? Allora mi chiedo.
    Il volo della farfalla è limpido
    e micidiale con il battito d'ali
    muoiono che cadono al suolo
    anche i colori hanno la morte.
    Eleonora Calabrò
    Composta nel 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di