Scritta da: Dalila

Necessità

Tenerle la mano pensando di farla sentire più sicura, è un errore immane.
Lei non ha bisogno di questi vezzi, sarebbe felice anche senza baci e carezze.
Lei ha bisogno d'altro, anela qualcuno che le tenga la mente, il filo dei pensieri.
Lei ha bisogno d'esser libera seppur con un attracco incerto alla realtà.
Ha bisogno di appigliarsi ad un qualcosa di insicuro.
Una parola non detta.
Uno sguardo distolto.
Un conforto segreto.
Lei non è come quelle a cui l'abitudine ti ha fatto abituare.
Lei è qualcosa per cui vale la pena.
È la svolta che aspettavi,
è speciale.
Elena Menoncin
Composta martedì 8 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Dalila

    Dai, giochiamo!

    Gioco di sguardi, di istinti, di desideri.
    Sopravvalutati.
    Ossessioni, gelosie, paranoie.
    Onnipresenti.
    Inutile chiudere gli occhi, la verità è una sola,
    ci illudiamo che tutto vada bene quando stiamo perdendo tutto.
    Ci convinciamo che tutto vada male quando possediamo tutto.
    Esseri autolesionisti gli esseri umani,
    portati a stare in coppia per condividere il dolore comune che altrimenti li sopraffarebbe.
    Quest'egoismo viene chiamato Amore, ed è tanto più sincero quanto è più necessario.
    Bisogno comune e protagonista egocentrico.
    Siamo esseri egoisti per natura.
    Siamo esseri che amano per natura.
    Elena Menoncin
    Composta lunedì 7 novembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Dalila

      Prima volta da sempre

      Una sensazione sconosciuta pervade il mio corpo.
      Forse è la prima volta da sempre in cui mi sento parte di qualcosa.
      Questo meccanismo mi coinvolge in pieno,
      è come un passo a due, se io sbaglio qualcosa ci troviamo a terra entrambi.
      Mi dicono sia normale, non ci credo, non li ascolto e mi ci perdo dentro.
      È ormai tardi per accorgersi che troppe cose stanno cambiando.
      Guardandomi allo specchio non riconosco chi ho di fronte.
      Non so più come uscirne.
      Troppo tardi per ricominciare a star bene da sola.
      Troppo tardi per essere indipendente.
      Abbandonata.
      Affogo.
      Elena Menoncin
      Composta sabato 5 novembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di