Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Di Iorio

A mio figlio

Costruirò per te un ponte
per raggiunger la collina.
Punti il dito: "È lì la vedi?"
ma non è così vicina.

Lo attraverserai correndo
come solo tu sai fare,
hai una voglia smisurata
di giocare ad esplorare.

Ma le strade si percorron
sia ad andare che a venire
e di certo un po' di gente
fin quassù vorrà salire.

Passerà ogni persona,
di qualunque religione,
stato, isola, nazione,
purché sia di pasta buona.

Dovrà essere gentile
e parlare a voce bassa,
ché per essere sentiti
non occorre una grancassa.

Sarà semplice e armoniosa
come Dio creò la terra
ignorando (proprio Lui? )
che finiva tutto in guerra.

Sarà forte e generosa
e comunque non fa niente
perché qui da te, si sappia
a nessuno è tolto un dente.

Troverà tanto buon cuore
e bellezza e fantasia.
Dalle parti tue è così,
non incontri una bugia.

Ho dei dubbi, tuttavia,
su quel ponte e sono tanti
che a percorrerlo a venire
non si mettano briganti!

Per fugar ogni mio cruccio
e levarmelo di mente
forse è meglio levatoio
e guardar bene la gente.

Sali e scendi e con le funi
di un acciaio ben temprato
perché, figlio mio, non sai
quanto il mondo sia malato.

Sarà poi una buona idea
o piuttosto un'ossessione?
Di proteggerti da tutto
cerco sempre e non so come.
Vota la poesia: Commenta