Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Eduardo De Filippo

Attore, regista e poeta, nato giovedì 24 maggio 1900 a Napoli (Italia), morto mercoledì 31 ottobre 1984 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Domenico De Rosa

'A paura mia

Tengo nemice? Faccio'o paro e sparo...
'E ttengo mente e dico: "Stongo ccà!"
E nun tremmo si sent''e dì: "Te sparo!"
Chillo c''o ddice, '0 ddice, nun'0 ffà.
Si è p''o buciardo, nun me movo, aspetto.
('A buscia corre assaie, ma campa poco).
'O vuò vedè? '0 canusce comm''o "sette",
va pè parlà', se fa una lamp''e fuoco.
'A calunnia? E chella è un venticello,
dico vicin'a'o viento: "Nun sciuscià?"
Quann'ha fatt''a sfucata vene'o bello,
allor'accuminciamm'a raggiunà.
E manco'a morte, si me tene mente,
me fa paura. 'A morte è generale.
Ll'uommene sò rumanze differente,
ma tenen'una chiusa, unu finale.
M'arrobbano? Arreduco mmiez''a via?...
Ì fatico e addevento chillu stesso,
ma, quanto voglio bene a mamma mia,
a mme me fa paura sul''o fesso!

TRADUZIONE (per quanto possibile, rispettosa del testo in napoletano):
Ho nemici? Faccio il "pari e dispari",
li tengo a mente e dico: "sto qua!"
E non tremo se sento dire "ti sparo!"
Colui che lo dice, lo dice ma non lo fa.
Quanto al bugiardo, io non mi muovo, io aspetto.
(La bugia corre molto, ma vive poco).
Lo vuoi vedere? Lo riconosci come il "sette",
appena fa per parlare, si fa rosso come una vampata di fuoco.
La calunnia? E quella è un venticello,
dico al vento: "non soffiare"?
Quando ha finito di scatenarsi, viene il bel tempo,
allora cominciamo a ragionare.
E nemmeno la morte, se mi tiene a mente,
mi fa paura. La morte è generale.
Gli uomini sono romanzi differenti
ma hanno una identica conclusione, un unico finale.
Mi derubano? Mi riducono in mezzo ad una strada?
Io lavoro e ridivento lo stesso di prima;
ma, per quanto voglio bene a mamma mia,
a me fa paura solo il fesso!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Cangiano

    Si t''o sapesse dicere

    Ah... si putesse dicere
    chello c' 'o core dice;
    quanto sarria felice
    si t' 'o sapesse dì!

    E si putisse sèntere
    chello c' 'o core sente,
    dicisse: "Eternamente
    voglio restà cu te!"

    Ma 'o core sape scrivere?
    'O core è analfabeta,
    è comm'a nu pùeta
    ca nun sape cantà.

    Se mbroglia... sposta 'e vvirgule...
    nu punto ammirativo...
    mette nu congiuntivo
    addò nun nce 'adda stà...

    E tu c' 'o staje a ssèntere
    te mbruoglie appriess' a isso,
    comme succede spisso...
    E addio Felicità!
    Vota la poesia: Commenta