Scritta da: Domenico De Rosa

Testamento

Quanno mor'io, chiagnìteme
nu quarto d'ora e basta.
Che m'atterrate all'ùnnice?
Salute e bbene! 'E ddoie menàte  'a pasta.

Se sape, 'a vita solita,
cchiù o meno, su per giù.
E allora fosse  'a ridere:
pecché so'  muorto nun magnate cchiù?

Facìteme n'esequia
semplice quanto maie:
'o carro  'o municipio;
te mmòccano  'int' 'o carro e te ne vaie.

" Aaaaah, Baccalaaà...! "s'  'o portano
p' 'e vicule, 'o pueta.
Meglio accussì! Credìteme,
ce sparagnate  'a roseca e  'a muneta...

Pecché, facendo 'annunzio
ncopp' 'o giurnale, he a fa'
cinche o sei lire  'a lìnia,
na ciento lire sempe se ne va.

E ll'amice intanto  'o llèggeno
e ognuno legge e penza:
"E chisto è n'ato esequie!
Comme nun vaie! nce a j'. Pe' cummenienza!"

E allora vuie pigliasseve
nu carro  'e primma classe...
sciure, carrozze, prièvete...
cammariere c'  'o tubbo e  'o fracchisciasse...

E 'o mpiccio 'int'a stu vìcolo?
E 'a folla ca s'auna?
E amice ca sfastédiano:
"Che Ddio! s'è ditto all'ùnnice e mo è ll'ùna!

E che maniera! È inutile,
chi è scucciatore, more
scucciànnote fin'all'urdemo,
si no t' 'o scuorde ch'era scucciatore!"

E se un amico, in lacrime,
sulla composta bara,
te fa l'elogio funebre?
Poveri muorte tuoie! chi ll'arrepara?

E si accummencia a chiovere
nfromme se move  'o carro?
Madonna chilli priévete!
Ggiesù chilli cumpagne c' 'o catarro!

Quanno mor'ì, ca 'o miedeco
stendesse ll'atto 'e morte,
e... nun facite nchiudere
manco 'o miezo purtone a  'o guardaporte!

Si me vulite chiagnere
nu quarto d'ora e basta.
Che m'atterrate all'ùnnice?
Salute e bbene! 'e ddoie... menàte  'a pasta.

Testamento – Traduzione (per quanto possibile, rispettosa del testo in napoletano)

Quando muoio io, piangetemi
Un quarto d'ora e basta.
Che m'atterrate alle undici?
Salute e bene! Alle due buttate la pasta.

Si sa, la solita vita...
più o meno, su per giù.
E allora, sarebbe da ridere:
Poiché sono morto, non mangiate più?

Fatemi delle esequie
semplici quanto mai:
il carro del municipio;
ti imboccano nel carro e te ne vai.

" Aaaaah, Baccalaaà...! "se lo portano
per i vicoli, il poeta.
Meglio così! Credetemi,
risparmiate" rosicature "e denaro...

perché, facendo pubblicare l'annuncio
sul giornale, devi calcolare
cinque o sei lire ogni riga,
una cento lire sempre se ne va.

E gli amici intanto lo leggono
E ognuno legge e pensa:
" E questo è un altro funerale!
Come fai a non andarci! Ci devi andare. Per convenienza! "

E allora voi pigliereste
un carro di prima classe...
fiori, carrozze, preti...
camerieri con tuba e marsina...

E l'impiccio in questo vicolo?
E la folla che si raduna?
E gli amici che si stufano:
" Che Dio! Si è detto alle undici e adesso è l'una!

E che modi! È inutile,
chi è scocciatore, muore
scocciandoti fino all'ultimo,
se no te lo scordi che era scocciatore! "

E se un amico, in lacrime,
sulla composta bara,
ti fa l'elogio funebre?
Poveri morti tuoi! chi li mette al riparo?

E se incomincia a piovere
mentre si muove il carro?
Madonna quei preti!
Gesù quei compagni col catarro!

Quando muoio io, che il medico
stenda l'atto di morte,
e... non fate chiudere
manco il mezzo portone dal portiere!

Se mi volete piangere,
un quarto d'ora e basta.
Che m'atterrate alle undici?
Salute e bene! Alle due... buttate la pasta.
Edoardo Nicolardi
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di