Le migliori poesie di Edgar Lee Masters

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Umorismo.

Scritta da: Silvana Stremiz

George Gray

Molte volte ho studiato
la lapide che mi hanno scolpito:
una barca con vele ammainate, in un porto.
In realtà non è questa la mia destinazione
ma la mia vita.
Perché l'amore mi si offrì e io mi ritrassi dal suo inganno;
il dolore bussò alla mia porta, e io ebbi paura;
l'ambizione mi chiamò, ma io temetti gli imprevisti.
Malgrado tutto avevo fame di un significato nella vita.
E adesso so che bisogna alzare le vele
e prendere i venti del destino,
dovunque spingano la barca.
Dare un senso alla vita può condurre a follia
ma una vita senza senso è la tortura
dell'inquietudine e del vano desiderio —
una barca che anela al mare eppure lo teme.
Edgar Lee Masters
Vota la poesia: Commenta
    For love was offered me and I shrank from its disillusionment;
    sorrow knocked at my door, but I was afraid;
    ambition called to me, but I dreaded the chances.

    Yet all the while I hungered for meaning in my life.

    And now I know that we must lift the sail
    and catch the winds of destiny
    wherever they drive the boat.

    To put meaning in one's life may end in madness,
    but life without meaning is the torture
    of restlessness and vague desire,
    it is a boat longing for the sea and yet afraid.

    L'amore mi si offrì e io mi ritrassi dal suo inganno;
    il dolore bussò alla mia porta, ma io ebbi paura;
    l'ambizione mi chiamò, ma io temetti gli imprevisti.

    Malgrado tutto avevo fame di un significato nella vita.

    E adesso so che bisogna alzare le vele
    e prendere i venti del destino
    dovunque spingano la tua barca.

    Dare un senso alla vita può condurre alla follia,
    ma una vita senza senso è la tortura
    dell'inquietudine e del vano desiderio,
    è una barca che anela al mare eppure lo teme.
    Edgar Lee Masters
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Herbert Marshall

      Tutto il tuo dolore, Louise, e il tuo odio per me
      nacquero dalla tua illusione, che fosse leggerezza
      di spirito e disprezzo dei diritti della tua anima
      ciò che mi fece volgere ad Annabella e abbandonarti.
      In realtà tu prendesti ad odiarmi per amor mio,
      poiché io ero la gioia della tua anima,
      formato e temprato
      per risolverti la vita, e non volli.
      Ma tu eri la mia disgrazia. Se tu fossi stata
      la mia gioia, non mi sarei forse attaccato a te?
      Questo è il dolore della vita:
      le si può essere felici solo in due;
      e i nostri cuori rispondono a stelle
      che non voglion saperne di noi.
      Edgar Lee Masters
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Sarah Brown

        Maurizio, non piangere, non sono qui sotto il pino.
        L'aria profumata della primavera bisbiglia nell'erba dolce,
        le stelle scintillano, la civetta chiama,
        ma tu ti affliggi, e la mia anima si estasia
        nel nirvana beato della luce eterna!
        Và dal cuore buono che è mio marito,
        che medita su ciò che lui chiama la nostra colpa d'amore: -
        digli che il mio amore per te, e così il mio amore per lui, hanno foggiato il mio destino — che attraverso la carne raggiunsi lo spirito e attraverso lo spirito, pace.
        Non ci sono matrimoni in cielo,
        ma c'è l'amore.
        Edgar Lee Masters
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di