Scritta da: Dorotea Sorrentino
Con la mia mano,
le mie dita...
ti sfioro il viso
dolcemente.
Sento la tua immagine,
trasparente...,
come in un sogno...
ma come ti immagino.
Hai illuminato la mia notte di un inverno senza luce...
e il tuo mistero...
i tuoi colori,
e la mia, sensuale, immaginazione...,
mi dicono che la tua essenza,
è una calamita...
da tener sempre vicino... a me!
Dorotea Sorrentino
Composta domenica 15 novembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di