Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Dora Pergolizzi

Insegnante scuola infanzia, nato martedì 5 novembre 1963 a Messina (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Dora

Danza

Danzan le note ad avvolgermi come velo
mentre leggiadri volteggian passi
che librare come angelo quasi potrei
mentre mente libera il corpo vibrante
leggero movenze aggraziate propone
e son fata, dea, luce e ombra, sesso e poesia
terra e vento, carne e anima
poi tornando al silenzio la musica cessando
riascolto il rumore di pensieri
a riempire di nuovo la testa
e il mondo riappare cancellando il mio.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Dora

    Io di notte...

    Io di notte, come luna argentata
    triste, solitaria, pur da stelle circondata
    brillo di luce pallida e rubata
    spesso da ombre buie oscurata
    offro al mondo solo metà della facciata
    o bianca e immensa mi staglio sfacciata
    ma sempre fra nuvole e tenebre
    nascosta, solo di notte mi affaccio
    e nel ciel che scuro e tetro mi stringe
    con cuor che inchiostro nero tinge
    cerco il mio sole che mai rischiarerà,
    una notte che aurora non vedrà.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Dora

      L'abbraccio del mare

      Guarda il mare
      che cerca di abbracciare il cielo
      che pur si specchia in quell'immensità agitata,
      con onde che come braccia si tendono
      per quanto grandi e impetuose siano
      non riusciranno mai a raggiungerlo
      Vedi me che, con il cuore mosso
      da amore disperato e tempestoso
      cerco di raggiungerti
      ma per quanto mi protenda verso te
      sempre più lontano andrai.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Dora

        Fai del tuo corpo il mio giaciglio

        Fai del tuo corpo il mio giaciglio
        E del tuo abbraccio coperta
        Del tuo petto il mio cuscino
        E ninna nanna i tuoi sospiri
        Lasciami cullare
        Al ritmo del tuo cuore
        E del calor del tuo respiro
        Le mia pelle scaldare
        Così che i miei incubi
        Diventino sogni
        E la realtà magia
        Lascia che il tuo ricordo
        Diventi presenza
        E rimanga in me
        Anche in tua assenza
        Accompagnami con il tuo profumo
        Nel cammino quotidiano
        Affinché possa sentirti accanto
        In momenti di solitudine
        In cui vivo nell'attesa
        Del tuo ritorno
        Fai della tua mano la mia ancora
        E del tuo sorriso il mio faro
        dei tuoi occhi la mia luce
        Che al porto dell'amore mi conduce
        Divieni il rifugio
        Nel quale nascondermi
        Proteggi questa mia vita
        Da me stessa...
        Bramami...
        più per i miei difetti
        che per le mie virtù
        Amami...
        Per quella che sono
        Per quello che non vorrei essere.
        Vota la poesia: Commenta