Poesie di Dora Pergolizzi

Insegnante scuola infanzia, nato martedì 5 novembre 1963 a Messina (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Dora
Livorno, boia dè!
Son trent'anni che sto qui da te
e diciamo che ci sto bene
a parte le tu pene
c'hai il mare, cor catrame
e le meduse a balle
e gli uomini senza palle
e nun c'è lavoro
nemmeno a pagallo oro
e la sera anche d'estate
noia, noia e menate
e quando du gocce che piove
per strada nun ci si move
e anche di cose belle per parlà
si urla e sembra sempre di litigà
Livorno mia, ormai mi hai adottata
e a te me sono abituata
lontana nun ce so sta da te
e mi devi sopportare...
boia dè!
Dora Pergolizzi
Composta lunedì 11 gennaio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Dora

    21 marzo

    Odo i rintocchi di campane a festa
    intervallati da tristi silenzi
    lontano, vicino, suoni a rincorrersi
    arrivano ai miei sensi disturbati
    Aria gioiosa, tiepido sole
    riscalda il mio cuore
    risveglia la mia anima dal lungo letargo
    Primavera, non mi raggiungi
    non mi tocchi, non sbocciano i fiori
    in quel prato sterile della mia vita
    non rinnovi la mia gioia
    assopita da antichi dolori
    non scacci la stagione della mia malinconia
    Dentro di me è sempre autunno.
    Dora Pergolizzi
    Composta sabato 21 marzo 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Dora

      Sogno

      Stamani ho aperto gli occhi e il sogno è svanito
      ho cercato di riaddormentarmi per riacchiapparlo
      ho cercato di acchiapparlo per farlo durare ancora
      oltre il velo del sonno, nella veglia del giorno
      è rimasto dentro me angosciante e vano
      cercando con la mente di riviverlo invano
      spero di risognarti ancora sogno svanito
      di incontrarti oltre il tempo, all'infinito.
      Dora Pergolizzi
      Composta sabato 28 gennaio 2006
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Dora
        I tuoi passi coprono i miei
        camminando dietro me
        nella strada dei ricordi,
        la tua ombra mi insegue
        assorbendo la mia.
        Nello specchio mi ritrovo
        in frammenti di passato
        e in questo mio riflesso
        la tua anima traspare.
        Corro come le nuvole nel cielo
        che coprono il sole
        spegnendone la luce
        anche la mia corsa copre la tristezza
        che si cela dietro le nuvole
        di una falsa allegria.
        Azzurro il cielo
        si riflette nello specchio del mare
        cristalline onde
        lambiscono la spiaggia
        il tuo nome era scritto sulla sabbia
        ma l'acqua l'ha cancellato
        il tuo nome è scritto nel mio cuore
        e il dolore l'ha scolpito.
        Dora Pergolizzi
        Composta mercoledì 29 luglio 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Dora

          Visita al Verano

          Ti ho trovato, eri solo, dormivi immerso in bianchi fiori
          ti ho parlato ascoltando il tuo silenzio e il mio dolore
          ho pianto insieme alla pioggia che cadeva
          nella luce soffusa di quel posto così triste e senza sole
          dove il blu del tuo cielo non si vede
          avrei voluto prenderti per mano, svegliarti e portarti via con me
          tirarti fuori da quel buio e quel freddo marmo
          avrei voluto amore ma ti ho lasciato
          ma una parte del mio cuore è lì con te
          l'altra parte l'ho portata via per tenerti sempre dentro di me
          dove vivi in ogni attimo e in ogni mio pensiero.
          Dora Pergolizzi
          Composta lunedì 2 giugno 2008
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di