Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Don Juan

Nato a Cosenza (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Don Juan
Lupo di notte,
vago nei boschi di questa
valle tenebrosa e tetra,
calpesto emozioni secche,
affondo nella melma dell'ipocrisia,
lecco ferite nascoste
e aguzzo la vista per
evitare buche e trappole
di chi gioca con la mia pelle.
Cerco la luce,
cerco la via d'uscita,
quel bagliore di vita che sappia
dare un senso ad una notte
troppo lunga e fredda,
cerco un raggio caldo,
un petalo da annusare
e un pezzo di vita da consumare.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Don Juan
    Attreverserei deserti,
    navigherei mari,
    ruberei stelle e spegnerei soli
    se solo tu fossi ancora mia,
    se solo potessi darmi
    ancora un volta la tua mano,
    se solo sfiorassi di nuovo le mie labbra
    per cullare poi un cuore malato.
    Toccami ancora,
    fallo di nuovo finché puoi,
    sorridi ancora e poi chiudi gli occhi,
    andrò via sulle punte,
    tra sguardi inchiodati e lacrime pesanti,
    che questo mondo non è più mio,
    che questa vita non sa intonare le mie corde,
    che qualche Dio ha deciso così.
    Nel vento troverai la mia voce,
    nell'acqua le parole che ti avrei detto,
    nel fuoco le emozioni che ti avrei regalato,
    e solo quando l'aria si farà bruna
    volgi gli occhi al cielo e se puoi
    ridi di quel pazzo seduto sulla luna.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Don Juan
      Quante parole ho perso per strada,
      quante parole ho cercato nella notte,
      quante parole vorrei poter trovare.
      Inutili certezze vuote come il vento,
      che corrono via rapide
      come la pioggia su un vetro.
      Dondolando sui passi stanchi,
      scivolando sui vetri di pensieri persi
      mi travolge un brivido freddo
      che apre in due la schiena bagnata.
      Senza fiato raccolgo i cocci di un'emozione
      sopita e soppressa dal peso della realtà,
      e mi sconvolge la forza di un urlo
      cupo e straziante che mi corre incontro.
      Muoiono i sogni di un viandante della vita.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Don Juan

        Sassi

        Scavo dentro a mani nude,
        strappo radici che sono andate troppo giù,
        e tolgo sassi che tagliano come lame,
        ma non ho il coraggio di buttarli
        perché quei sassi sono parte di me,
        e li ricopro di nuovo,
        e riscavo di nuovo
        per poterli anche solo guardare,
        così ogni notte, così ogni giorno.
        Li nascondo al mondo,
        e a quella parte orgogliosa di me
        che fa a pugni col cuore.
        Quei sassi mi uccidono,
        e mi tengono in vita,
        mi fanno respirare e mi strozzano,
        quei sassi profumano di lei.
        Affondo le narici negli odori che mi ha lasciato,
        ma anche quelli ora stanno volando via,
        con la stessa leggerezza
        del vento che ha portato via lei.
        Stringe un nodo in gola ogni
        respiro maledetto che ho afferrato
        da quando non ho più lei,
        e in petto corre a vuoto il cuore
        ora che ho perso la bussola.
        Risuona stanco l'eco di quell'amore
        tra le pagine di un quaderno sbiadito,
        e le righe di una lettera datata,
        ed io lentamente scivolo via dalla mia vita,
        senza batter ciglio o porre freni,
        nell'attesa di un profumo nuovo,
        che mi aiuti a cancellare le tracce
        di quello che un tempo chiamavo
        "amore" ed ora non so più cos'era.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Don Juan
          Ancora qui seduto,
          a scrivere mentre fuori il mondo scorre,
          mentre altre vite si incrociano,
          altre vite si trovano.
          Qui seduto a pensare,
          a chiedermi cosa c'è che non va,
          a chiedermi se sono io che non funziono
          o è il caso a volere tutto questo.
          Qui seduto a piangere dentro
          e strozzare in gola i singhiozzi,
          aspettando chissà cosa.
          Guardo la mia vita dietro un vetro,
          incapace di reagire,
          incapace di virare e cambiar rotta,
          in balia delle onde.
          Domande troppo difficili,
          risposte troppo pesanti,
          risposte troppo vere che so già.
          Vota la poesia: Commenta