Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Don Juan

Nato a Cosenza (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Don Juan
Lento il fluire delle mani
sui tasti screpolati dal tempo,
veloce il battito di cuore.
Infinite volte mi sono emozionato
al ritmo del suono addolcito dal vento,
infinite volte ho pianto bagnando
le nocche impegnate a districarsi
e incantare il cielo.
Profuma l'aria di rose fresche
e sento i brividi salire lenti,
scuotere ogni atomo di questa
nave senza remi e senza rotte.
Regalo a te questa mia vita
e te la porgo sulle mani
increspate dall'intenso vivere,
dall'intenso impavido ardire
che ha bruciato ogni residuo pudore.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Don Juan

    Tra cuore e mente

    Tra cuore e mente
    abbiamo solcato rotte
    che il mondo brama famelico,
    abbiamo tracciato sentieri
    e riempito i vuoti,
    abbiamo cavalcato l'onda
    del dolore e del piacere,
    abbiamo ascoltato le urla
    dell'anima che prigioniera in corpo
    in un groviglio di passioni
    si libera ad ogni parola
    scritta col cuore.
    Tra cuore e mente abbiamo
    riempito di emozioni le nostre
    giornate e le pagine bianche
    delle vite altrui.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Don Juan
      Seduto dietro un vetro
      guardo e non osservo
      il nero profondo
      che è davanti i miei occhi.
      Fisso il vuoto
      a mani incrociate,
      senza trovare mai il coraggio
      di puntare giù lo sguardo.
      Sento voci sussurrare
      melodie conosciute
      ma non so ricordarne il senso,
      recito il mio copione
      strappando applausi e finti sorrisi,
      mi emoziono e chiudo fuori
      gli sguardi affamati.
      Aspetto l'ultima luce,
      aspetto l'atto finale
      con la consapevolezza
      che per un uomo senza veli
      non esiste il lieto fine.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Don Juan
        Un Dio forse distratto
        ha chiesto il conto alla vita mia,
        ma non ha visto che dietro
        l'angolo a spiare ogni mossa c'ero io,
        io che ogni giorno
        respiro in bilico tra cielo e terra,
        io che traccio solchi fondi ad ogni passo,
        io che sogno a stento ormai.
        Un Dio forse distratto
        ha chiesto il conto alla vita mia,
        ma non ricorda le notti intere
        passate a pregare col cuore,
        ignora le parole
        è sordo ad ogni pensiero.
        Un Dio forse distratto
        ha chiesto il conto alla vita mia
        e sto pagando giorno dopo giorno
        ma chi paga quando poi l'errore è suo?
        Un Dio forse distratto
        ha chiesto il conto alla vita mia,
        ma non sa che questa notte
        chi non paga sono io.
        Vota la poesia: Commenta