Scritta da: Domi11393

Viaggio all'inizio del tramonto

Rocce frastagliate feriscono i miei piedi,
e tu, lontana, non mi senti, non mi vedi,
visione distante, il tempo s'è fermato,
io, da rocce fragili, cado.

O dea, sei la strada al mattino,
ed io vorrei esserti più vicino,
stelle, qualcuna, all'orizzonte,
e tu, luce di sole, t'avvicini.

Presto, che possano incrociarsi i nostri sguardi
ed insieme perderci nel firmamento,
i nostri cuori sono uno solo, mia dea,
e tu divieni reale da un'idea.

Ti sento, sei qui,
l'attesa è finita, ormai,
tutto è luce; oro e argento la tua presenza,
Stella Cometa, sei scesa, m'hai colto
e mi hai portato via sulla strada del tramonto.
Domenico Sepe
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Domi11393

    Vita d'estate

    Ferma, immobile, impassibile stai,
    cos'è questo strano crescendo?
    Tu sei sole che illumina
    ogni giorno di quest'estate
    e quando non ci sei, sublime fulgore,
    tutto, qui attorno, pian piano sfiorisce,
    è un eterno autunno, quando non ci sei.

    Ma, neanche un giorno di sole è bello, senza te
    che incedi, così leggera, a passo di danza
    nell'aria limpida, fra fili d'erba che ti sfiorano.
    Ogni giorno è notte d'inverno, senza te
    e nessuna lingua al mondo potrà descriverti.

    Allora, resto muto, fermo, immobile,
    alzando lo sguardo (verso precedente)
    e la bellezza di te riempie ogni cosa,
    il grigio è di nuovo colore, vive ogni singola rosa (verso precedente)

    Non sono io a parlare o il cuore a ragionare,
    perché tu sei verità evidente
    ed io solo un osservatore presente,
    qui, al privilegio della tua visione,
    a scaldarmi piano innanzi
    i raggi del sole della tua vita.
    Domenico Sepe
    Composta mercoledì 19 agosto 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Domi11393

      Notte di stelle lontane

      Questa notte è uno specchio
      e di te si riflette un profilo di stelle,
      seguo la loro rotta e mi portano a te,
      mi perdo ma tu sei pura luce nella notte.

      Fronde d'alberi sfiorano il mio volto,
      delicate, vorrei fossero il tuo tocco
      e invece sei lontana, incorniciata fra le stelle
      ma questo cielo notturno non è nulla,
      al confronto di te.
      Tu, dolce dolore, m'affanno e non dormo
      alla folle rincorsa verso te.

      Queste stelle, lontane, sono luci che tremano,
      tu sei il sole in questa notte
      e senza te non c'è risposta.
      Domenico Sepe
      Composta martedì 18 agosto 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Domi11393
        La tua voce risuona nel buio,
        crollano i confini d'ogni apparenza,
        l'immagine di te sbiadisce
        mentre mi protendo a te.

        Si perde ogni senso,
        cerco di rammentare il tuo viso
        ma il ricordo è una tela lisa,
        ti sfioro col pensiero e, piano, ti perdo.

        Il centro si è spostato,
        l'equilibrio mio s'è messo traverso
        e tu sei una cometa lontana.

        A te il mio ultimo lamento,
        non per te o la tua beltà
        ma perché ti sto perdendo nella memoria.
        Domenico Sepe
        Composta mercoledì 14 gennaio 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Domi11393

          In Amore

          In amore, in amore sai
          ora tutto è niente
          e niente è tutto ormai

          In amore a parlare
          non sono le parole
          ma solo gli occhi, sai

          In amore non ti aspetti
          di ricevere qualcosa
          ma ti inconsapevolmente ti dai
          e sei felice perché non lo sai

          In amore non importa
          quanto soffri o piangi
          basta vedere il suo sorriso

          Perché in amore, in amore sai
          non ci pensi mai
          agisci e neanche lo sai.
          Domenico Sepe
          Composta venerdì 20 agosto 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di