Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Dino Campana

Poeta, nato giovedì 20 agosto 1885 a Marradi, Milano (Italia), morto martedì 1 marzo 1932 a Scandicci (Italia)

Scritta da: Silvana Stremiz

Marradi

Il vecchio castello che ride sereno sull'alto
La valle canora dove si snoda l'azzurro fiume
Che rotto e muggente a tratti canta epopea
E sereno riposa in larghi specchi d'azzurro:
Vita e sogno che in fondo alla mistica valle
Agitate l'anima dei secoli passati:
Ora per voi la speranza
Nell'aria ininterrottamente
Sopra l'ombra del bosco che la annega
Sale in lontano appello
Insaziabilmente
Batte al mio cuor che trema di vertigine.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Donna genovese

    Tu mi portasti un po' d'alga marina
    Nei tuoi capelli, ed un odor di vento,
    Che è corso di lontano e giunge grave
    D'ardore, era nel tuo corpo bronzino:
    -Oh la divina
    Semplicità delle tue forme snelle-
    Non amore non spasimo, un fantasma,
    Un'ombra della necessità che vaga
    Serena e ineluttabile per l'anima
    E la discioglie in gioia, in incanto serena
    Perché per l'infinito lo scirocco
    Se la possa portare.
    Come è piccolo il mondo e leggero nelle tue mani!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      L'invetriata

      La sera fumosa d'estate
      Dall'alta invetriata mesce chiarori nell'ombra
      E mi lascia nel cuore un suggello ardente.
      Ma chi ha (sul terrazzo sul fiume si accende una lampada) chi ha
      A la Madonnina del Ponte chi è chi è che ha acceso la lampada? C'è
      Nella stanza un odor di putredine: c'è
      Nella stanza una piaga rossa languente.
      Le stelle sono bottoni di madreperla e la sera si veste di velluto:
      E tremola la sera fatua: è fatua la sera e tremola ma c'è,
      Nel cuore della sera c'è,
      Sempre una piaga rossa languente.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Maria Prisco

        In un momento

        In un momento
        sono sfiorite le rose
        i petali caduti
        perché io non potevo dimenticare le rose
        le cercavamo insieme
        abbiamo trovato delle rose
        erano le sue rose erano le mie rose
        questo viaggio chiamavamo amore
        col nostro sangue e colle nostre lagrime facevamo le rose
        che brillavano un momento al sole del mattino
        le abbiamo sfiorate sotto il sole tra i rovi
        le rose che non erano le nostre rose
        le mie rose le sue rose.
        Vota la poesia: Commenta