Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Diego P.

L'amante

Nel gelido cobalto della notte
burrascosi velieri fantasmi
navigano alla deriva dei venti.
Su stuprata terra noi, anime insane,
come demoni dalle ali spezzate, danziamo
invasati dall'antico ritmo dell'ebbrezza.
Umidi intrecci di lingue, sesso, sudore
e stagnante olezzo di rosea carne eccitata
attendono l'incendio all'orizzonte.

In adolescente furore la morte vinsi
bramando un ultimo tango di lame.
Ed ora, vizioso Dio serpente,
fiuto nella polvere tracce pulsanti
di un amore che bruci le viscere.
Elettrici assoli distorti di piacere
e gocce di distillato dolore,
nero inchiostro che anima versi
su freddo acciaio opalescente.

Deflagra l'anima immorale
nel folle volo di farfalla
battiti d'ali tra peccaminose fiamme
verso l'agognato Eden.
Composta lunedì 14 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Diego P.

    L'angelo di Peshawar

    Cavalli morti in alienato deserto
    oscurato da asfissianti fiamme.
    Occhi di uomini in esili corpi
    raffiche di dolore spara al cuore
    l'infanzia morta prematura.

    Vividi colori su volti di pietra
    come sacre maschere narrano
    dimenticati olocausti alla vita.

    Ma all'improvviso dal buio
    topazi penetranti nell'anima
    irradiano luce da angelico volto.
    Come primaverile cielo
    l'umile sguardo perdona
    i nostri otri ricolmi.

    Nuovamente sconfitto l'odio
    evapora in verdi vallate.
    Composta giovedì 10 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Diego P.

      Rotta finale

      Desolate lande all'orizzonte
      nel silenzio di immobili nuvole
      come sciamano danzante
      invoco purificatrice pioggia.

      Indelebili lacrime rosso sangue
      all'ombra d'ermetica maschera
      autunnali foglie colpiscono
      afone dormiente terra.

      La candida vela gonfia
      abbandonata al vento
      lambisce irrequieto oceano.
      In versi l'ultimo respiro
      esalerò esangue.

      È nell'irreale passato
      ciclico serpente turchese
      la poetica dissolvenza
      del confine della morte.
      Composta venerdì 27 novembre 2009
      Vota la poesia: Commenta