Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: geggio
Uno, due, tre.
conta
respira
trattieniti

lascia la tua bocca chiusa
sei stanco
rabbia
evapora
follia attendi

non voglio nulla
più nulla
sono caduto, sto a terra
non so se mi rialzerò

sono stanco
ho bisogno della quiete
pace
silenzio

non ho voglia di sentire problemi
non ho voglia di sentire persone
non ho voglia di sentire cazzate

voglio ascoltare la mia mente
il mio respiro

cambio

non ne posso più
mi lascio andare

fra non molto,

cara follia
ti vengo a trovare.
Composta sabato 21 luglio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: geggio

    Vivendo il silenzio del niente

    Nulla
    sempre a pensare
    alla fine di tutto ciò

    Nulla
    finito
    questa serata il nulla si è trasformato in niente
    poche persone poche vendite
    poche ore per dormire
    poche cicche, pochi soldi

    mi sono smarrito
    perso in un dolce sogno

    la realizzazione sto sfidando
    la voglia insiste
    ma poi svanisce

    solo vorrei stare
    solo per immaginare

    il mio mondo mi attende fra quattro mura, una matita e un po' di musica

    domani ti chiamo, domani sto con te

    attendi fino al nostro domani

    nel frattempo ascolta il silenzio
    dolce e avvolgente
    della notte che ci protegge.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: geggio

      Baby

      La luna ci segue.
      La luna ci spia.

      Camminiamo
      sudando, alcool e pensieri

      una strizzata a quel tuo bel culo
      tra una birra e un Campari con il bianco
      sorridiamo alla vita e alla nostra gioventù

      sognatori

      una storia chissà se infinita
      non importa

      vivo con te questa parte della mia vita
      e sono felice

      proviamole tutte
      seduti,
      sdraiati
      e in piedi

      ma proviamole tutte
      facendo l'amore

      diamo fuoco a questo paese
      accendiamolo con la nostra passione.
      Composta domenica 1 luglio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: geggio

        Dolce discesa

        La tristezza mi ha accolto a braccia aperte
        la lirica mi sbalza
        male alla testa
        pensieri che gareggiano
        sfidando la soluzione

        voglio stupire
        voglio trovare il sorriso
        perso, gettato dal finestrino

        questa pioggia rinfresca tutto tranne che la mia mente

        tempo stupido
        tempo in stallo
        mano incapace di creare

        le cicche sono inutil
        sperano di spegnere  un corpo
        ormai spento

        osservo

        la luna mi sorride
        almeno tu.

        bella come sei
        sorridi
        a questa vita tutta in salita

        quando si sale poi si scende
        non vedo l'ora di trovarti
        dolce discesa
        Composta lunedì 28 maggio 2012
        Vota la poesia: Commenta