Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: geggio

Ululando alla solitudine

Mi sento solo
per la prima volta della mia vita
ho paura della solitudine

l'ho sempre cercata, ammirata, amata
ed ora mi spaventa

in queste quattro mura silenziose
il pensiero mi sta divorando

piango per il mio passato o piango per paura del mio futuro

le giornate scorrono tutte uguali infelici senza stimoli

oggi è già domani

tutto mi tormenta

non capisco se non sono riuscito
o se non ci ho provato

brutto quesito

ho lasciato, perso tutto quello che amavo

il disegno, l'amore, il sorriso

non so di cosa ho davvero bisogno
forse solo del tempo
chissà

sto andando avanti per inerzia

avevo tutto
ho scommesso
ho perso
sono a terra

non so se ho voglia di parlare o
di urlare

non sono mai riuscito ad amarmi
mi sento solo
in questo quattro mura
non c'è nessuno
neanche il rumore di una stupida zanzara.
Composta lunedì 24 agosto 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: geggio

    Tira...

    Una chinamartini per piacere
    l'ultimo
    e poi svanisco
    l'ultimo
    e poi vado
    l'ultimo e poi mi avvio.
    Tira, butta e molla
    questa serata è andata.
    No, non bevo
    ho la colite
    mi sta fottendo la vita
    basta. L'ultimo
    eppure
    sono le cinque del mattino.
    Noi a raccontare
    noi a ridere e scherzare
    noi, noi e nulla più.
    Un bancone si appoggia a me,
    un pensiero mi assale,
    io non riesco
    non ti so dimenticare.
    Penso di essere perso in questo
    io a pensare
    la vita è dura, la vita scivola
    la vita vola
    ma tira, botta e molla
    io da solo
    io perso
    io svanisco.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: geggio

      Vivendo

      Sperare negli altri
      è come sperare nella pace eterna

      si è nati grazie al merito di due fuori di giri
      si muore soli come è giusto che sia

      si spera in questa vita bastarda
      alla ricerca di un sorriso
      la ricerca di uno stato d'animo
      duro da mantenere

      giorno dopo giorno

      sperpero,
      dovendo

      mai per il mio io
      ma sempre per altri

      non so controllarmi
      non so dare un valore

      so solo essere in debito con altre persone

      sto faticando per dei pezzi di carta
      sto vivendo per monotonia

      sono aggrappato al nulla
      in cerca della vita

      non ho niente.
      Non ho assolutamente niente

      sono semplicemente uno stupido punto

      credo sbaglio annego

      l'alcool mi sta affogando.
      Composta martedì 28 aprile 2015
      Vota la poesia: Commenta