Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: geggio

Tutto e niente

come si può dire che si vuole qualcosa
dopo un istante, dopo un po', dopo anni
sei stufo
puoi rinunciare

come si può dopo tutto
hai vissuto amato
perdonato
odiato

come si può
come si può

ti ritrovi sempre
a pensare

a tutto ciò che è stato
che hai vissuto

gelosia o non gelosia

non puoi
vivere libero e felice

non puoi perché

insieme

qualsiasi cosa non va bene

fotti l amore
fotti il matrimonio

o nei giorni stronzi nostri fotti
la convivenza

tutto non ti porta da nessuna parte

vuoi la figa vuoi quella figa
perché pensi che sia tua

ma niente è tuo
tutto è di tutti
usata e non.
Composta domenica 10 ottobre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: geggio

    Ma...

    Sei bello sei fico
    sei in tv
    sei un razzista
    sei uno zingaro
    sei un prete
    sei uno spazzino

    sei pessimista
    sei geniale

    sei tirchio

    sei furbo

    sei raffinato

    sei un cuoco

    puoi essere anche un ministro
    sei un contadino
    sei un assicuratore

    sei moro o biondo

    rosso no, grazie

    non ci credi
    lo vivi

    perdi e vinci

    spendi e mangi

    non hai figli

    costruisci

    fumi e bevi

    sei ignorante

    hai una piscina

    dormi per strada

    sei un soldato

    sei un ottimo amante

    rubi e scopi

    caghi e pisci

    sogni incubi

    ascolti musica

    lavori e vaghi
    dimentichi e pensi
    sei tutto o niente

    ma...

    ricorda

    sei un animale
    un animale uomo.
    Composta domenica 10 ottobre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: geggio
      La gente pensa che tu sia stupido
      perché
      vai e fai
      ridi alle loro cazzate
      dici cazzate

      ma non sai mai cosa sinceramente
      tu nel tuo fottuto cervello
      cosa possa pesnsare o credere

      l importante
      è l'abbigliamento
      l'importante è quello che fai
      l'importante è quello che tu possa dire o fare

      ma che si fottano
      non capiranno mai quello che tu vuoi essere
      perché a nessuno importa

      fingono di capire

      ma come un branco di pecore
      si inseguono
      si inseguono
      nei loro interessi nei loro scopi

      ma che si fottano
      io non sono
      così

      io vivo la mia cazzo di vita
      e che i giudizi imparino a darseli a loro

      alla loro famiglia
      alla loro figa
      al loro lavoro
      al loro modo di essere

      mi fate schifo

      preferisco stare da solo

      e che il mondo si fotta

      mondo fottiti.
      Composta domenica 10 ottobre 2010
      Vota la poesia: Commenta