Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Delia Viscusi

Studentessa, nato martedì 23 aprile 1991 a Benevento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Leggi di Murphy e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Rea

Tempo

Vorrei dirti cose di me che non sai,
ma ho paura, perché non vorrei deluderti mai.
Vorrei poter ascoltare ancora il battito del tuo cuore
appoggiando la mia testa sopra al petto tuo.
Vorrei recuperare ciò che di buono c'è stato tra noi,
sperando che non sia tardi ormai.

Tempo, tempo, tempo,
maledetto tempo,
ci vuoi sempre tu
e intanto i giorni passano
e ci si abitua alla nuova vita.

Vorrei un chiarimento insieme a te,
farei tacere le bocche e farei parlare il cuore.
Quante cose in sospeso abbiamo lasciato
in una notte di settembre già mezzo avviato.
Torna amore mio che dobbiamo parlare,
torna amore mio che il nostro amore non è da buttare.

Tempo, tempo, tempo,
maledetto tempo,
ci vuoi sempre tu
e intanto i giorni passano
e ci si abitua alla nuova vita.
Composta domenica 3 ottobre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rea

    Cresci tua figlia

    Ho visto Cristina,
    non fa più casino
    e ha buttato i libri di scuola.
    Ha l'anima in pena,
    vorrebbe incontrarlo
    per dirgli che i progetti fatti insieme
    per lei valgono ancora,
    anche se è cambiato qualcosa
    da allora.
    Si è comprata una bici,
    và in giro da sola
    perché lui non vuole accompagnarla,
    nemmeno dal medico.
    Giuseppe è zio,
    ma lui non lo sa.
    Cristina,
    perché non andavi a scuola?
    Cristina,
    perché ti chiudevi in camera?
    Cristina,
    perché ti spogliavi dell'anima?
    Cristina,
    hai gli occhi pesanti,
    forse sei stanca
    ed ora dimostri più della tua età.
    La notte non dormi più,
    pensi a lui che è il padre della tua bambina,
    ma lui non vi vuole,
    voleva giocare
    ed ora bambina
    cresci tua figlia.
    Composta giovedì 16 settembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rea

      Perché tu...

      Tu, giovane cerbiatto,
      dagli occhi profondi
      e colmi di malinconia,
      che ti sei chiuso nel tuo guscio
      coi tuoi pensieri,
      non fuggire via.
      Tu, che quando ammazzi
      lasci scie di corallo,
      prima o poi ti prenderò
      e nel mio cuore di cristallo
      ti chiuderò.

      Perché tu mi fai morire,
      perché tu mi fai sognare,
      perché tu mi fai urlare,
      perché tu mi fai impazzire.

      Le tue zampe mi rapiscono,
      il tuo pelo sembra seta,
      tu non lo sai,
      ma la tua cerva sono io.
      Corriamo insieme dentro al bosco,
      cacciamo insieme in questo mondo.
      Tu, unicorno alato,
      mai ferito,
      ma che hai leso,
      il vento della vita
      ti trascina verso me,
      vola lontano,
      scappa pure,
      tanto è il destino
      che decide per te.
      Composta martedì 7 settembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rea

        Sei tu

        Il mio amore sei tu,
        la mia vita sei tu,
        il mio pianto sei tu,
        il mio sorriso sei tu.

        Chi bacio sei tu,
        la mia ansia sei tu,
        il mio sole sei tu,
        la mia notte sei tu.

        Chi voglio sei tu,
        chi scelgo sei tu,
        la mia casa sei tu,
        il mio domani sei tu.

        Il mio profumo sei tu,
        la mia aria sei tu,
        la mia fede sei tu,
        il mio peccato sei tu.
        Composta martedì 7 settembre 2010
        Vota la poesia: Commenta