Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Delia Viscusi

Studentessa, nato martedì 23 aprile 1991 a Benevento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Leggi di Murphy e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Rea

Dove sei

Dormo in un letto troppo grande
e quando lo guardo mi sento sola,
mi piacerebbe riempirlo di te,
col tuo profumo che è il più dolce che c'è.

Dormire accanto a te sarebbe un sogno,
ti guarderei tutta la notte,
studierei i tuoi muscoli rilassati,
conterei tutti i nèi che hai sul corpo
e li scruterei come fossero stelle in cielo.

E al mattino essere baciati dal sole,
quei raggi che ti raggiungono
trapassando una finestra
e che disegnano l'ombra del tuo corpo sopra un muro
ed io mi perdo in te.

Ma anche oggi ho sognato ad occhi aperti,
stringendomi le lenzuola attorno come un abbraccio,
ma solo con te, ti giuro, lo farei...
Dimmi dove sei.
Composta lunedì 6 settembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rea

    Al diavolo

    Al diavolo ogni lacrima che ho versato e
    che non è andata a buon fine,

    al diavolo ogni pensiero
    che mi ha fatto sfiorare la pazzia,

    al diavolo ogni notte che ho perso il sonno
    pensando a lui,

    al diavolo i ricordi
    che mi piombano in mente all'improvviso e
    che rovinano tutto,

    al diavolo l'ingenuità
    che mi ha fatto trovare nei guai,

    al diavolo il malumore
    che mi perseguita insistentemente,

    al diavolo me stessa
    che non riesco a mandarlo al diavolo.
    Composta venerdì 19 novembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rea

      C'è un tempo...

      A Natale c'è un tempo
      per alzare gli occhi al cielo
      e sognare,
      per incantarsi a contare le stelle e
      per vedere la neve che
      dolcemente cade giù.

      A Natale c'è un tempo
      per sperare qualcosa di buono,
      per esprimere un desiderio
      represso da troppo tempo,
      per prendere coscienza
      della propria forza d'animo,
      per credere nelle proprie scelte,
      per scegliere di non cambiare la propria strada.

      A Natale c'è un tempo
      per chiudersi in se stessi,
      per fare un gesto inaspettato,
      per donare un abbraccio in più,
      per ascoltare qualcuno che ci cercava da tanto,
      per guardare negli occhi del nemico.

      A Natale c'è un tempo
      per sedersi da soli vicino ad un camino,
      per riflettere sul proprio vissuto,
      per dare un'anima ai ricordi del passato,
      per far scendere una lacrima in memoria di qualcuno,
      per riscaldare il cuore con un sorriso.

      A Natale c'è un tempo
      per ostacolare il male,
      per difendere gli indifesi,
      per salvare i sogni dei più piccoli
      affinché la magia possa continuare a regnare.

      A Natale c'è un tempo
      per essere sinceri,
      per chiedere scusa a chi ha sofferto
      per causa nostra,
      per dire grazie a chi non ci ha mai lasciati soli,
      per chi è stato sempre presente nella nostra vita
      dai giorni più bui ai più luminosi,
      per dare una parola di conforto
      a chi ci ha asciugato le lacrime
      quando stavamo male.

      A Natale c'è un tempo
      da dedicare alla riflessione,
      c'è un tempo da dedicare
      alla morale e agli insegnamenti,
      c'è un tempo per affondare le mani
      nella fontana della felicità...

      A Natale c'è un tempo
      per qualunque cosa tu voglia
      impiegare il tuo tempo.
      Composta martedì 28 dicembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rea

        Tempo

        Vorrei dirti cose di me che non sai,
        ma ho paura, perché non vorrei deluderti mai.
        Vorrei poter ascoltare ancora il battito del tuo cuore
        appoggiando la mia testa sopra al petto tuo.
        Vorrei recuperare ciò che di buono c'è stato tra noi,
        sperando che non sia tardi ormai.

        Tempo, tempo, tempo,
        maledetto tempo,
        ci vuoi sempre tu
        e intanto i giorni passano
        e ci si abitua alla nuova vita.

        Vorrei un chiarimento insieme a te,
        farei tacere le bocche e farei parlare il cuore.
        Quante cose in sospeso abbiamo lasciato
        in una notte di settembre già mezzo avviato.
        Torna amore mio che dobbiamo parlare,
        torna amore mio che il nostro amore non è da buttare.

        Tempo, tempo, tempo,
        maledetto tempo,
        ci vuoi sempre tu
        e intanto i giorni passano
        e ci si abitua alla nuova vita.
        Composta domenica 3 ottobre 2010
        Vota la poesia: Commenta