Scritta da: Joseph K

Il giorno che c'incontrammo

Ero vestito di seta e lino
il giorno che c'incontrammo
Avevo una giacca bianca
e bottoni d'oro
Tu indossavi una busta della spazzatura
fissata con delle spille
Io ai piedi avevo scarpe in pelle nera
Tu due pezzi di cartone legati a spago
Per tua esplicita volontà andammo
a mangiare in un cassonetto
rovistando tra gli avanzi dei ristoranti
poi io tentai di baciarti, all'improvviso
ma restasti ferma
Anche quel giorno, mi stringesti forte
contro il tuo seno, tra le tue braccia
e mi volesti tutto per te
o mia regina Solitudine.
Davide Scanu
Composta lunedì 14 aprile 2003
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Joseph K

    Lontananza

    Sino a quando il tuo pensiero
    taglierà la mia pelle
    e rapirà i miei giorni?
    Stravolgendoli
    dipingendoli di malinconia
    Per quanto tempo ancora la speranza
    prenderà il mio corpo
    e lo porterà da te?
    Nei sogni e nelle immagini
    Per queste strade
    che portano a noi due
    in ogni istante
    quanti attimi persi
    a ignorare il presente
    per qualcosa di lontano.
    Davide Scanu
    Composta domenica 9 maggio 2004
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di