lunghi capelli neri

Le cinque di una mattina come tante
dalla cima della collina vedo il paese
l'erba sotto i piedi
tutto è avvolto da una morbida foschia mattutina
solo il garrir di rondini rompe il silenzio
un contadino e il suo trattore
in lontananza
a ricordarmi che non sono solo

la mia pelle trema
un'improvvisa folata di vento mi apre le braccia
passandomi attraverso mi strappa l'anima dal petto
e volo
dove mi porti amico vento
e come foglia d'autunno vengo cullato dolcemente

una finestra socchiusa di fianco al campanile
e dentro lei
sdraiata sul letto e avvolta da lunghi capelli corvini
mi poso lieve sul suo petto
scosto il volto e la mia guancia si accosta al suo seno
ora capisco

nei molteplici dubbi che affollano qualunque vita
come acqua di fonte ora tutto mi par chiaro
cristallino
ora và amico vento
chiedi scusa e di a tutti che non torno

tra le sue braccia posso lasciarmi andare
dal suo petto farmi cullare
fra i suoi lunghi capelli neri non smetterò mai di sognare
ora posso morire.
Davide Rizzo
Composta sabato 17 febbraio 2001
Vota la poesia: Commenta

    Valer la pena

    Una preghiera ti rivolgo o signore
    e in cambio tutto me stesso

    riprendi la mia vista
    che già potendo ammirai
    ed io vedrò col cuore
    più vero ed onesto dell'ambra delle mie pupille
    perché la vista
    già mi fece errare

    prendi anche l'udito
    che falsità e menzogna
    io non possa più sentire

    te ne prego
    prendi anche la mia voce
    poiché d'amor so dire
    anche senza pronunciar parola

    ma fa si o signore
    che riconosca sempre il palmo della sua mano
    sulle mie guance
    la sua dolce carezza mi faccia capire
    che vale di tutto la pena.
    Davide Rizzo
    Composta sabato 3 giugno 2000
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di