Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Dario Motti

Nato venerdì 1 settembre 1950 a milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Umorismo.

Scritta da: dax

Rifondare

Cuore arso
spettrali ricordi
navigano
silenziosi,
memorie disperse.
lontani bambini
dimenticati.

Sottovoce ricordiamo
i loro nomi, i sogni,
le speranze.

Ricordi di vita,
di spiagge incantate
risate e canti,
ammutoliti, straziati.

Non uomini uccidono,
rinascono, si riproducono
nell'orrore, nella miseria
delle loro anime.

Acerbi innocenti
straziati, ieri, oggi, domani.

Spezzare il cerchio dell'orrore,
si può,
si deve.

Rincorreremo il vento
le nuvole, la platonica utopia
per rifondare la terra.
Composta giovedì 29 novembre 1010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: dax

    Vendemmia

    Vedi!
    silenti boschi
    attendono
    ascoltare melodiose
    note portate da una
    fresca brezza,
    da un vento leggero.

    Senti!
    ecco ora arriva
    il profumo del
    mosto antico,
    vetusti
    tini raccolgono
    l'eterno susseguirsi
    del tempo, delle stagioni.

    Vecchi vignaioli,
    degustano novelle
    vendemmie, foriere
    d'antichi ed eterni
    sapori, che sanno
    di terra,
    di rose,
    di ciclamini,
    di genziana.
    di sogni,
    d'amore.

    Ambrate presenze
    brillano al sole
    del tardo
    autunno,
    tra le prime
    nebbie
    che salgono
    dalla valle ombrosa,
    il profumo
    del legno che brucia
    scoppiettante,
    la polenta adagiata
    sul familiare desco.

    Gialla!

    Come un piccolo
    sole domestico
    rinfranca i cuori.

    Il calore della casa,
    della vita d'una
    pacifica serenità.
    Composta venerdì 8 ottobre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: dax

      Il buon pastore

      Io Sono il Buon Pastore
      che raccoglie il suo gregge,
      le sue pecore.

      Accorrete voi che siete oppressi,
      scaldatevi al tepore del mio ovile,
      calore d'amore di vita d'eternità.

      Sedetevi alla Salvifica Mensa,
      dissetatevi con il Mio Vino,
      vino che non tradisce.

      Alzate il vostro
      sguardo verso le più
      alte stelle, verso il più
      luminoso sole che non
      abbaglia il vostro sguardo,
      la vostra mente, così da poter
      scorgere il futuro.

      Io Sono la via che porta alla felicità
      al sogno dell'uguaglianza,
      nella libertà nella giustizia.

      Un'apostolica anarchica
      fronda di rivoluzionario amore.
      Composta mercoledì 8 dicembre 2010
      Vota la poesia: Commenta