Poesie di Dario Motti

Nato venerdì 1 settembre 1950 a milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Umorismo.

Scritta da: dax

Labbra

Ho baciato le tue labbra
che sanno di tempo
di ricordi, d'illusioni.

Ho baciato le tue labbra
che sanno di terra,
di muschio aggrappato
alle radici della vita.

Ho baciato le tue labbra
che sanno di nulla,
d'ineloquenti discorsi
di progetti mai realizzati.

Ho baciato le tue labbra
che sanno di fiele,
di sangue, di rose.

Ho baciato le tue labbra
silenziose, amate, odiate,
arroganti, superbe
labbra d'amore.
Dario Motti
Composta nel settembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: dax

    Fu scritto

    Fu scritto nel libro antico,
    nella memoria delle generazioni.

    Quando anche i più piccoli
    dei suoi figli profeteranno: svegliatevi!
    Poiché l'ora dell Suo Ritorno è prossima

    Alziamo la testa dalle nostre fornicazioni,
    dal nostro abominio, ripariamo al male
    compiuto, come il santo Zaccheo,
    arrampichiamoci sul fico
    scrutando il Suo Passaggio.

    Invochiamo la Sua Misericordia
    Il Suo Amore, spezziamo il male
    con un radioso canto d'amore.

    Cerchiamo i fratelli lontani,
    i fratelli ultimi sulla terra,
    soprattutto i fratelli che ci odiano
    laviamo loro i piedi, cingiamoli
    della veste bianca.

    Apparecchiamo il desco
    spezziamo il pane mesciamo
    il vino, quello d'annata,
    distribuiamo i pesci, l'olio,
    versiamo balsamo sul capo
    degli infanti consacrando
    a Dio la loro innocenza.

    Osserviamo il cielo
    quando si fa rosso la sera,
    accendiamo fuochi
    che ardano tutta la notte
    segnando la via
    per il Padre che torna.

    Noi tutti personalmente
    abbraccerà, sconvolgendo
    per sempre le nostre anime,
    il nostro futuro, donandoci
    il Suo Amore che non muore,
    che non sfiorisce, che si tramanda
    da cuore a cuore, da vita a vita,
    rigenerandosi eternamente.
    Dario Motti
    Composta nel agosto 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: dax

      Alba

      Sul ciglio della strada
      ho stracciato la mia giovinezza,
      ho regalato alle ortiche
      i miei sogni le mie speranze.

      Ho strappato i ricordi,
      giorni inutili di paura
      d'infelicità.

      Quando finalmete arriverà
      il tramonto arrossando
      di sangue il cielo, i miei occhi.

      Quando verrò assalito
      da rimorsi, da rimpianti,
      quando griderò il tuo nome
      mamma!, solo allora m'accorgerò
      che il tramonto è in realtà
      una nuova maledetta alba.
      Dario Motti
      Composta nel settembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: dax

        Nascente

        Salvaci!
        Ricorda le nostre preghiere,
        le nostre speranze: su questa terra
        ch'era Tua! Oggi seviziata
        dall'inganno dalla violenza.

        Salva questa spaventata umanità
        le rose profumate, le nubi
        che vagano silenziose nel cielo.

        Te! Invochiamo dalla nostra
        disperazione, le nostre anime
        cadute nella rassegnazione
        della spirituale morte.

        Te! Invochiamo ultima paladina,
        roccia della speranza, nostra fortezza
        che dinnanzi allo sguardo di Dio invochi
        per noi misericordia.

        Avvocata Nostra
        Santa Maria Nascente.
        Dario Motti
        Composta nel agosto 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: dax

          Il ponte

          Guardo dal ponte
          l'acqua scorre omogenea, scura.

          Mormorando scivola nella notte,
          tra nebbiose rive, scrutando alberi,
          prati che la corteggiano silenziosi.

          Scorre l'acqua gorgogliando
          tra i sassi, tra il fango, custodendo
          nel suo ventre meravigliose creature.

          Guardo dal ponte
          l'acqua scorre omogenea, scura.

          Vedo il mio corpo galleggiare riverso,
          danzando lentamente tra i gorghi: rigirandosi.

          Sembra una falena che corteggia la Luna,
          sembra un pagliaccio vestito da festa,
          sembra una bambola sull'altalena.

          È la mia giovinezza che lontano muore.
          Dario Motti
          Composta nel agosto 2009
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di