Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Daniele Jimbo Marchiori

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: James

Da dove

Tetro percorso,
colline che osservano
dove il sole perisce alla notte.
Unghiate d'orso sulle travi
sognando dispersi.
Il gelido vento fra cerchi di rose confuse
in un confinato giardino dimenticato
un dimenticato mondo.
Paese la sera bruciato di giorno.
Da dove arriverà la voce
da dove il suono di sillaba
contrasterà il canto del soffio che piega gli alberi.
Da dove il mio io confuso dovrà dire: ci siamo persi.
Persi per sempre.
Dimenticati.
Da dove quel suono urterà la galleria
per disperdersi.
Da dove proveniamo quando andiamo?
La pioggia il divenire e il giorno
il sublime costato sofferto di lancia,
il tuono
e la tua rassegnata consistenza.
L'anima e il serpente
la rosa tatuata, sul fondo dell'abisso
dello stretto incunabolo in un night club,
la gioia soppressa, da lacrime da sogno
in una realtà odierna di fashion dove lo stesso sogno finisce,
schiavo della brutalità e dell'invidia.
Strane correnti ci deportano ai sottecchi
di sogni mal condivisi in notti di insonnia prive di sesso.
Il testamento spirituale di un senza testa.
La voce che inseguivi da bambino per i corridoi fino al bagno,
la stessa che sapevi avrebbe cambiato la tua vita per sempre.
Strane correnti ci deportano ciechi.
Sulla porta della stessa strada naturale,
eravamo tutti coinvolti da strutture familiari
per uscirne con le ossa contuse.
Dita costrette da unghie corrose a una marcia corteccia.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: James

    Nero

    Immensa e nera notte,
    pregna del sapore argenteo di sopraffatta luna
    che svetta ad occhio di lupo,
    sulle cortine di cipressi e guglie.
    Rumori ottusi da gelide spire
    e vociare indistinto,
    gracchiare di neri becchi
    e corvini piumaggi,
    allontanarsi incerto di passi
    nella gelida nera notte senza fine.
    Barlumi come lampi
    dissuadono il passeggio
    incutono timore,
    quasi fossero roghi dell'orco
    o riesumati spettri
    sibilanti fra impietosi marmi gelidi,
    immobili.
    Insensibili alla dolce paura.
    Composta martedì 4 agosto 2015
    Vota la poesia: Commenta