Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

La mia mano

La mia mano sente,
nell'ombra della notte,
nel tremore del freddo,
sotto il sole cocente,
nell'anima ansante,
chi sei tu che
stringi la mia mano?
io sento il tuo calore
io sento la tua dolcezza,
io sento il tuo amore,
la tua mano evanescente
stringe me,
con forza,
mentre tra le lacrime,
io mi aggrappo
a quella mano.
Composta mercoledì 27 giugno 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta
    Le spighe di grano
    sono dorate, mentre le formiche
    lavorano intensamente,
    le cicale e i grilli sembrano
    come impazziti,
    non smettono mai di cantare!
    È la troppa felicità,
    l'estate è esplosa!
    Il caldo opprimente è
    il cielo di un azzurro intenso,
    sgombro da nubi,
    il sole è padrone indiscusso,
    i suoi raggi potenti,
    arrivano sulla terra
    e sulla mia pelle,
    con amore infinito.
    Tutti sonnecchiano in casa,
    nella frescura e nel silenzio,
    gli antichi vicoli di questo
    antico paese sono assolati
    e silenziosamente eterei,
    solo le ombre del passato
    sono qui ad osservare!
    Ed ecco la notte...
    la frescura di montagna
    abbraccia tutti,
    le strade piene,
    chi passeggia
    chi parla e pettegola,
    chi mangia gelati,
    tutti sfoggiano abbronzature e
    abiti scollati...
    bambini che corrono e giocano,
    ragazzi che ballano e flirtano,
    turisti che si divertono e rilassano,
    tutti andranno a dormire
    verso le due di notte,
    in questo mio paese d'estate,
    si vive di notte, i bambini
    devono restare svegli,
    abituati da piccoli,
    mentre il firmamento stellato
    che mozza il fiato,
    osserva tutti noi dall'alto!
    Composta venerdì 22 giugno 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      La mia terra selvaggia

      La mia terra selvaggia
      è di una bellezza sconvolgente,
      i prati di un verde smeraldo,
      la vegetazione brillante e
      rigogliosa con il
      profumo dei fiori,
      le primule bianche e rosee,
      le mammole e le
      viole delicate,
      emanano la loro
      fragranza soave,
      i primi a sbocciare in primavera.
      Monti selvaggi, colline,
      boschi e prati di
      varia grandezza,
      un armonia perfetta
      della natura, dove il lupo
      fa sentire il suo ululato,
      il falco nel cielo vola,
      nella sua perfezione,
      ispira libertà.
      Sprigionando a chi lo osserva,
      gioia e passione.
      Tutto è silenzio e
      in intimità con la natura.
      io sono nata qui.
      Composta sabato 26 maggio 2012
      Vota la poesia: Commenta