Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

Nel fragore del tempo

Nel fragore del tempo
gli spiriti innalzano i loro palpiti,
è come un urlo nel silenzio,

soave e disperato tra diaframmi lontani,
tutti noi dobbiamo raggiungere la luce,
una luce mai vista e misteriosa,

she conduce noi sempre più in alto,
nella profondità della mente dell'infinito,
viviamo in un onda che veloce

trasporta noi in alto e basso,
tra gioie, lacrime, angustie,
ma i nostri preziosi occhi

possono osservare le bellezze
di questo nostro grande pianeta,
possiamo consolarci con il respiro della terra,

respiro di Dio,
cielo, terra,
acqua, luce

i colori abbracciano noi,
nel viaggio verso la luce.
Composta domenica 6 gennaio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Favola d'amore

    La mia favola siete voi,
    io no so come avete
    conquistato il mio cuore,
    ma io sono qui per voi,
    aspetto il vostro arrivo
    nell'ora del tramonto,
    il vostro spirito attraversa
    l'oceano, sulle onde rotolanti,
    portando con se gioia e allegria
    sussurrate il mio nome con
    estrema dolcezza
    e quel filo scintillante
    unisce noi in un abbraccio senza fine,
    il tramonto primordiale
    avvolge noi nella sua luce
    le stelle sono sogni
    e hanno catturato entrambi,
    oh cielo infinito!
    oh acque schiumose!
    oh vibrazioni luccicanti!
    miracolo d'amore che si avvera
    luce di stelle che abbraccia noi
    dopo tanti mesi e
    uma lacrima sul viso.
    Composta giovedì 3 gennaio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Scorre il tempo

      Mentre il tempo passa
      noi viviamo nella speranza che
      le nostre cose possono cambiare in meglio

      e ogni nostra decisione riguarda il nostro modo
      di pensare con coraggio nella vita quotidiana,
      gli anni scorrono lievi e fantastici,

      e ogni persona che conosciamo,
      lascia un qualcosa dentro di noi,
      io sono come la piccola roccia della foresta,

      il vento no può nulla contro di me!
      Perché io amo!
      Perché io sorrido sempre!

      Perché io sono Daniela!
      Perché voi al di la dell'oceano,
      date ancora più forza!

      Perché io vivo di musica del mare
      e la sua forza è la mia.
      Composta martedì 1 gennaio 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Riflessione

        Io sono orgogliosa dei messaggi
        che ricevo da ogni parte del mondo,
        io sono orgogliosa di quello che

        io riesco a trasmettere agli altri,
        perché chi scrive ha una responsabilità,
        la responsabilità delle anime che

        gli passano accanto, che leggono,
        che chiedono consiglio,
        i like che qualcuno scrive che

        il mio sorriso porta emozioni
        nella mente e nel cuore,
        questa è una grande cosa,

        daltronde cosa è un sorriso?
        una smorfia di amore,
        dietro il sorriso delle labbra

        c'è il sorriso dell'anima,
        e dalla bocca e dagli occhi
        l'anima deve rispecchiare,

        tutto l'amore e la gioia che
        il cuore trasmette.
        E le mie parole nella poesia

        emanano frizzante freschezza,
        io scrivo sempre quello che
        io sento e penso nella

        mia vita quotidiana,
        e i messaggi da ogni parte del mondo,
        sono per me un grande premio.
        Composta martedì 1 gennaio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          L'inverno

          Respiro di un vento gelido,
          urla sulle mura della chiesetta antica,
          pietre bianche consumate,
          solitario e selvaggio sito,
          scabro.

          Stretta nella gola, tra dirupi, fitti boschi
          sentieri appena tracciati,
          appartati e misteriosi,
          la prima gelida luce del
          mattino veste i monti,
          il sole si mostra di nuovo alla terra
          come un momento solenne.

          Bello l'orizzonte!
          come un angelica fronte,
          occhi grandi e seducenti,
          nel cuore un tesoro d'amore
          di onde limpide e pure.

          Gli alberi scheletrici coperti di neve
          sembrano fantasmi usciti dalla notte più scura.
          poco lontano tra l'aria grigia e fosca,
          leggere colonne di fumo
          rivelano le case abitate.

          nel magico silenzio solo il frusciare
          del rivo limpido e puro
          scaturisce dal monte come cristallo nitido,
          passa timoroso nella stretta gola
          quasi accarezzando i piedi della Celeste Madre.
          Composta martedì 1 gennaio 2013
          Vota la poesia: Commenta