Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

nel mio cammino

Nel mio cammino verso il cielo
porto con me i miei sentimenti

per tutto ciò che mi circonda
il mio spirito folle e pieno di amore

la mia passione per tutta la terra
l'amore per gli animali e le piante

l'attaccamento verso il cielo e tutte le galassie,
l'amore per tutti popoli di questa terra, e le loro usanze,

se ho sbagliato è perché io ho troppo amato,
la mia vivacità sorprendente e inesauribile,

la mia incredibile voglia di vivere fino alla vecchiaia!
La mia gioia continua, guardando i fiori e le farfalle!

Il mio impressionante amore per il mare e le sue creature,
il mio sostare sulle sue onde, nel rotolamento insieme a lui,

io appartengo al cielo alla terra e a Dio
per questo devo vivere ancora per lungo tempo,

e pasticciare ancora con il mondo!
Composta martedì 19 novembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    tacito il tramonto

    Tacito il tramonto, quieto nel suo grigiore autunnale
    gli alberi si spogliano lentamente, le foglie cadono silenziose,

    tornano alla terra con un abbraccio invisibile,
    i miei occhi luccicano, osservando la giostra di colori,

    abbraccio le querce con ardore, silenzio ed energia
    circonda me nel cuore, nello spirito, nella profondità

    dello scorrere del mio sangue che loro amano,
    respiro l'amore del momento, la mia pelle rinnova

    aria, amore, forza, potenza, luce,
    il bosco dona ogni sentimento di pace,

    nel tramonto autunnale affabile,
    schietto, sincero, così carico di amore.
    Composta martedì 19 novembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      L'acqua

      io ho così tanto dolore
      per la nostra terra,
      questo pianeta sta soffrendo!

      la sua sconvolgente bellezza
      noi abbiamo maltrattato
      l'acqua è così potente

      sono millenni che parla all'uomo
      ma questo non ascolta,
      l'acqua è uno delle tre potenze di Dio, sulla terra

      lei è l'etereo elemento
      dove la vita è uscita,
      noi ci formiamo in un ventre di acqua,

      dalla pancia di nostra madre
      l'acqua sussurra a noi
      con i suoi gorgoglii d'amore

      lei controlla la vita di questo pianeta,
      senza, la terra
      sarebbe senza vita,

      dopo millenni, l'acqua vuole riprendere
      possesso di questo pianeta sofferente.
      Composta martedì 19 novembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Respiro d'autunno

        Il respiro d'autunno avvolge me
        quasi mozza il mio respiro,

        dall'aurora al tramonto
        malinconico andare del tempo,

        le rondine come piccoli soldati
        in fila sui tetti e sui fili,

        garriscono nei loro richiami
        tra poco partiranno per altri lidi caldi,

        l'estate è un ricordo lontano,
        le foglie ingialliscono silenziose,

        e la brezza del vento le scuote leggere
        iniziano a cadere lentamente

        come lacrime dal cielo,
        con sgargianti colori riposanti,

        melodiose nel loro silenzioso sottomettersi
        alle leggi della terra create da Dio,

        e io piccola farfalla dell'estate finita
        devo chiudere le mie piccole ali

        e cercare un riparo se mai riuscirò a vivere.
        Composta venerdì 4 ottobre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Temporale d'autunno

          il temporale d'autunno è scuro e tetro,
          tuoni e lampi si alternano
          mentre il cielo piange con forza,

          le foglie scosse dal vento,
          cadono sulla terra con dolcezza
          baciandola e abbracciandola,

          guardando in alto il ramo dove sono cresciute
          con un poco di nostalgia, il loro pensiero,
          prima che la morte arrivi definitivamente,

          dal basso hanno nostalgia del loro albero
          che con amore le ha tenute strette a se...
          non torneranno piu lassù!

          quanti ricordi... l'allegria della primavera,
          piccoli e verdi germogli erano,
          mentre il cinguettio degli uccelli

          passa loro davanti come una visione,
          e il caldo dell'estate bollente,
          lo scintillante sole e la brezza di fuoco,

          che giocavano con loro...
          la piccola foglia sta per esalare l'ultimo respiro
          tornerà polvere nella sua polvere.
          Composta venerdì 4 ottobre 2013
          Vota la poesia: Commenta