Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

Universo

L'universo è spettacolare, e pieno di amore
vivo e pulsante di luci e respiri
è l'aspetto costruttivo, della buona realtà,

l'universo è il pensiero di Dio, è la mente stessa
la sua intelligenza, la sua potenza, la sua sapienza,
la sua determinatezza, la sua incrollabile, coerenza.

L'universo è una spirale, di amore infinito,
nel buio di un vuoto, misterioso e sconosciuto,
nell'armonia di un cosmo, che batte come il cuore,

noi siamo qua, piccoli, arroganti, superbi,
padroni di un pianeta che, abbiamo rovinato,
dove la natura si ribella contro di noi,

niente è nostro, né mio né tuo,
noi siamo insieme, legati alla terra
incatenati alla nostra galassia

la quale a sua volta, è legata alle altre galassie
e segue il suo giro interminabile
forse verso il cuore di Dio.
Composta mercoledì 29 luglio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Tempo d'estate

    Il tempo caldo d'estate prende ogni spirito
    tutto brilla, la forte luce è nella natura e sopra di ognuno di noi,
    stagione di amore, avventure, sorrisi e divertimento

    ma per me che vago solitaria, tra la natura scintillante,
    e che vivo di sensazioni, stimoli, sogni di stelle lontane,
    ogni piccola cosa può turbare il mio cuore tenero,

    nell'armonia del bosco io vivo e amo,
    sotto il cielo stellato io respiro e sospiro
    il cielo caldo sembra parlare a me,

    piccole parole d'amore e consolazione
    per questo mondo difficile e violento,
    voglio essere sempre me stessa,

    fino alla fine della mia vita.
    Composta mercoledì 29 luglio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Crepuscolo estivo

      Il grano è giallo! Brilla nel caldo campo,
      ed io bambina correvo, tra le spighe,
      nel cielo tinto rosso, di un tempo lontano,

      amavo le spighe di grano, parlavo con loro,
      sotto il sole bollente, tra il canto dei contadini
      che lasciavano il territorio al tramonto,

      le rondini garrivano felici, nel cielo estivo,
      due, innamorati si scambiavano effusioni,
      sotto l'ombra di una maestosa quercia,

      ed io correvo contro il vento, tra il profumo della terra,
      perdendo le scarpe mentre i rovi, graffiavano le mie gambe,
      il timo profumava, e io aspiravo il loro aroma,

      sentivo la voce di mia nonna, che chiamava il mio nome,
      ma io ero una libellula che volava nel vento,
      in un crepuscolo lontano, caldo, gioioso, quieto

      di un tempo meraviglioso.
      Composta venerdì 24 luglio 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Tramonto d'estate

        Tranquillo tramonto estivo,
        cullandomi nella quiete, del momento,
        tra il canto dei grilli e delle cicale,

        risplende il campo, di grano maturo
        scintilla, sotto il cielo azzurro,
        ondeggia, nella brezza crepuscolare,

        mentre i fiori chiudono, le corolle, prima della sera,
        il lupo, l'orso e il cinghiale, scendono dai monti
        per raggiungere le fonti, dell'acqua e dissetarsi,

        gli ultimi raggi di sole, illuminano le foglie degli alberi,
        giocano con le prime, ombre della sera,
        il respiro della terra è in me, nel mio profondo,

        sussurrano armonie gioiose,
        nella solitudine pacifica tra cielo e terra,
        nei meravigliosi attimi, di una stagione luminosa.
        Composta venerdì 24 luglio 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Estate

          Cantano grilli e cicale, nella calura estiva,
          la prepotente e forte luce, dona bagliori incandescenti
          copre campi, boschi, mari e monti,

          tra gli sterpi, fruscii delle grosse lucertole e serpenti,
          merli, cornacchie, rondini, sembrano pigri sui rami degli alberi
          il sole abbaglia, tutti cercano di riposare nell'ombra,

          solo le formiche instancabili, lavorano di continuo,
          nell'immenso silenzio sulla terra rovente,
          baciata da raggi infuocati, che succhiano ogni goccia di acqua,

          canta il bosco, melodie incontenibili di questo tempo,
          le rose sono nella loro esplosione di amore,
          e l'amore aleggia in questa stagione, fino a notte fonda,

          vivi è l'estate! Fatta di sogno, di nessuna promessa,
          di incontri fugaci, di, sguardi profondi, di colori forti,
          di melodiose serate sotto stelle luccicanti,

          sotto un cielo perennemente azzurro, il silenzio armonioso,
          avvolge l'intrepido giorno, caldo e affannoso,
          io guardo la natura e sono, sempre innamorata.
          Composta lunedì 6 luglio 2015
          Vota la poesia: Commenta