Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

Tempo straordinario

L'autunno è qualcosa di straordinario
sbalorditivo, strabiliante, prodigioso, fenomenale, inaudito,
lo spettacolo delle foreste è inimitabile, il colore del tempo che cambia,
prodigiose sono le sensazioni che regala, a chi osserva la natura colorata.
Osservare le foglie che cadono, nell'acqua di un piccolo ruscello,
o il vento che strapazza gli alberi, dona pace e saggezza,
l'autunno parla a tutti, fa riflettere, fa meditare, esce in noi
assennatezza, buonsenso, raziocinio, discernimento, prudenza,
che l'estate aveva nascosto nel nostro profondo,
in autunno esce da ogni spirito la sofferenza, desideri, aspettative,
tutta la nostra fragilità, dell'autunno della nostra vita,
dobbiamo armarci di coraggio per affrontare, a testa alta,
le nostre fatiche, dispiaceri, incomprensioni quotidiane,
camminiamo nei boschi, in piccoli sentieri, respiriamo purezza,
nell'intimità di noi stessi e dell'amore della natura,
nel nostro piccolo mondo, in una stagione della nostra realtà.
Composta giovedì 29 ottobre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Il tramonto per ogni cosa

    Silenzio assordante nel crepuscolo autunnale,
    smorta l'aria, nel cielo pieno di nubi, con qualche piccolo sprazzo di azzurro,
    l'erba si inumidisce presto, un falco vola in cielo, sembra inesistente
    per il suo silenzio assordante, le sue ali tacite carezzano l'aria.

    Prende lo spirito l'emozione del momento, come attimo struggente
    tra poco irrimediabilmente perduto, come le foglie che dolcemente
    cadono sull'erba, colorate, eteree, delicate, cullate dal vento,
    come una ultima carezza d'amore.

    La goccia di rugiada fa brillare le povere foglie avvizzite,
    rende il loro colore lucente come un rosso corallo,
    anche noi siamo come le foglie, diventiamo avvizzite
    con il decorrere del tempo

    è il ciclo della vita che si occupa di noi, il mattino nasciamo
    poi siamo adulti nel sole alto, il tramonto è la nostra vecchiaia,
    la notte è la morte, ma la luce di Dio ricompare al mattino
    per dirci che l'eternità aspetta ognuno di noi.

    Quella sarà la nostra vera vita, il nostro giorno luminoso
    dove la sera e la notte non arriverà mai.
    Composta mercoledì 28 ottobre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Tempo d'autunno

      L'autunno mi parla e la luce fugge veloce,
      le ombre della sera, carezzano gli alberi colorati,
      malinconica gioia di un nuovo tempo

      umido, grigio, silenzioso, bello e odioso l'autunno,
      ma noi apparteniamo alle stagioni, orologio della nostra vita,
      la nebbia crea il mistero e l'ispirazione per i poeti,

      ogni foglia che cade, può raccontare una gloriosa realtà,
      noi siamo le foglie, di questo universo,
      abbiamo ognuno storie diverse, ma tutte fantastiche,

      formiamo il cuore di questa galassia che pulsa per tutto il firmamento
      brilliamo come tutte le stelle, la nebbia si dirada leggermente,
      ed ecco la luna appare, come un segno di luce d'amore,

      sopra gli alberi, nel buio di una sera d'autunno,
      il vento sussurra alle mie orecchie:
      ama questo immensità, il tempo scivola via,

      non sprecare il tuo tempo a piangere,
      ama e sorridi, perché Dio ti ama.
      Composta mercoledì 28 ottobre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Incontro d'autunno

        Splendida creatura, con occhi lunghi e profondi,
        i tuoi brusii sono magici, si confondono con il fruscio delle foglie,
        ogni tuo respiro è emozione per il mio cuore,

        vorrei poter appoggiare la mia mano sul tuo manto,
        fare vibrare le mia dita sulla tua groppa,
        sfiorare le tue corna, che sono la tua corona da re,

        cerchiamo tanto la felicità. Ma volte è solo questione di un incontro,
        un ritrovo tra i boschi colorati, di un autunno malinconico e silenzioso,
        attimi di sguardi, tra creature diverse, nella brezza del vento,

        tra le foglie che cadono silenziose, e il mormorio, di un chiaro ruscello, tra le rocce,
        per essere contenti, abbiamo bisogno di cose semplici, che toccano il cuore,
        e tu, piccolo cervo, sei il dolce pensiero nella natura autunnale,

        i tuoi sguardi verso di me, sono immortali, ascolto il tuo pensiero
        ed entra dentro di me, con forza, io sono un anima che vuole progredire nell'intimo,
        e con te, piccolo cervo, percepisco la mia essenza con madre natura

        e il mio ciclo del tempo terreno, tu ispiri gentilezza, soavità,
        ristori il mio spirito affranto, dai dispiaceri, di questo mondo,
        dopo un ultimo sguardo, con leggerezza infinita,

        scompari nella boscaglia ingiallita, lasciando me, nella solitudine gioiosa.
        Composta mercoledì 21 ottobre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Lo Spirito di Dio

          Mi piace osservare, la freschezza di un ruscello
          che corre veloce verso valle, seduta su di una pietra,
          mentre le foglie morenti, cadono teneramente,
          lasciando il loro ramo per sempre.

          L'acqua è vita ma, è anche morte!
          Crea e distrugge, se noi non ascoltiamo i suoi sussurri
          l'acqua distruggerà l'umanità, because ha la potenza di Dio.
          Creare è qualcosa di fantastico! Distruggere è la liberazione di cose passate.

          L'essere umano è stato l'ultimo a essere creato,
          eppure è la persona più perversa e falsa che esiste sulla terra!
          L'umanità crea con la sua tecnologia, per distruggere la terra,
          e l'acqua diviene violenta e rade al suolo tutto,

          per impossessarsi di nuovo, del suo habitat, voluto da Dio.
          L'umanità sta inquinando e devastando il verdeggiante spirito degli alberi
          vuole cambiare l'antico ciclo della vita vegetale,
          desidera sterminare, il magico e candido ciclo di gustosi frutti,

          lo specchio di ogni anima, rimane muta, e la distruzione continua,
          nella totale indifferenza della società di oggi,
          anime sgretolate dalla tecnologia! Spiriti del mondo di oggi
          svegliarsi! Guardate l'azzurro del cielo, osservate i tramonti,

          c'è qualcosa di più che potete invocare, l'amore per il creato è sacro!
          Risorgete spiriti, amiamoci l'un l'altro, il cielo ama noi
          lo spirito di Dio è dappertutto e noi lo maltrattiamo,
          anche nel nostro corpo, abbiate cura del vostro corpo.


          La purezza, la semplicità, l'amore, la mitezza piace a Dio.
          Composta martedì 20 ottobre 2015
          Vota la poesia: Commenta