Scritta da: C. Veratelli
Chi ama in questo mondo
mangia pane sporco
soffre il doppio
e ha lacrime che bruciano
sul proprio volto
ama amando, senza smettere di aspettare
perché sarebbe come ignorare
di vedere, di sperare, di vivere
di respirare
attimi che l amore ci dona
un viaggio nell aria, nel fuoco
nella pioggia, nel vento caldo
della sua passione
per la nostra risurrezzione
leggerò, leggerai
interpreterò, interpreterai,
i versi di questo amore
perché il mio cuore si è perso in essi.
Cristina Veratelli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: C. Veratelli
    Voglio immergermi
    nel silenzio,
    nella quiete
    della vita mia
    sorridere a te che
    che fai parte di me
    anima colorata libera
    di esprimersi
    dipingo la mia pelle
    con i nostri sogni.
    Voglio essere fiore
    nel deserto del
    tuo malumore
    luce nella parte più
    buia del tuo cuore
    noi figli di terra
    senza radici
    perché amati e
    amanti di ogni
    luogo per
    sentirci vivi e felici.
    Cristina Veratelli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: C. Veratelli
      Vorrei vivere nel fuoco
      di una passione,
      in una luce dove
      un Corpo felice
      mi fluisce tra le mani.
      Vorrei accarezzare
      un'anima persa,
      ma piena di una trepida brezza
      rinchiusa dentro una
      prigione di musica.
      Due anime, senza corpi
      che non si conoscono
      ma vibrano come lingue di fuoco
      in note già conosciute
      e suonate.
      Nel brivido di un istante
      si riflettono
      gli occhi di un "anima gemella
      trafitta dall'amore e dalla morte.
      Cristina Veratelli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: C. Veratelli
        Violenza genera violenza
        i banchieri generano i rapinatori
        i governanti rubano ai lavoratori
        e così che funziona il mondo
        è uno stupido girotondo
        io vivo per una vita diversa
        come la parola amore vive
        nella solidarietà del saper amare
        mondo perseguitato
        ingiustamente incatenato
        io mi espando e vivo
        devo solo liberarmi
        dal tempo che brucia
        in fretta il nostro fugace
        momento
        sarò un naufrago sarò un salvatore
        sarò un naufragio
        non smetterò mai di guardare il cielo
        e il sole
        non si può vivere a capo chino
        ora qui ovunque
        non mi fermare
        non sto sognando
        sto vivendo abbraccio l amore
        la solidarietà la libertà
        vivo nell anarchia
        del cuore.
        Cristina Veratelli
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di