Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Cristina Tarabella

Amazzonia

Ai Figli dell’Acre  
Bambini; tanti.
Gli occhi raccontano la loro anima, e si prova soltanto una vertigine immensa a guardarvi dentro. È per questo che gli occhi dell’Acre sono così speciali: guardi un bambino e vedi la stanchezza di un vecchio... Tengo tra le braccia uno di voi, un vostro fratello, un figlio di questa terra ostile, povera, piena di morte. Lo amo... E tu, piccolo vecchio mi chiedi: "È tuo figlio?" "Sì.È mio figlio". "Fortunato" Amo anche te, piccolo fratello del mio bambino. Ma una marea infinita mi coglie e travolge il mio animo turbato. Tu rimarrai, a piangere di notte, perché il mondo non ti ha dato il pane. Mio figlio partirà, con me, per una terra piena, ricca, dove a volte, "Non è possibile!" -diresti tu-, il pane si getta, solo perché è un po’ secco... Ti regalo un dollaro... ma la vergogna mi assale. Cosa può farti quel dollaro? Forse te lo ruberanno... Forse ci comprerai foglie di coca, per non sentire la fame... Mi vergogno. Stringo forte al mio cuore, il vostro fratello, mio figlio, e penso alle migliaia di voi che mi lascio dietro... E penso... È solo per un caso della Sorte, che vostro fratello e divenuto mio figlio. Ma tutti voi siete figli! Non posso sopportare il dolore di lasciarvi dietro di me... Per questo sarete sempre tutti nel mio cuore. Però le lacrime che ho versato per voi, e che accompagneranno in eterno la mia vita, non potranno mai darvi il pane...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cristina Tarabella
    Morirò domani.
    Ma adesso dammi i tuoi pensieri e guarda i miei occhi che pensano a te.
    Morirò domani.
    Ma adesso stringimi forte e dimmi che siamo noi tutto il mondo.
    Morirò domani.
    Ma ora baciami e carezza il mio volto. Adesso ti sento, ti vedo, penso...
    Domani tutto si spengnerà.
    Domani morirò.
    Ma oggi sono qui.
    Sono qui per te.
    Con te.
    E amo anche solo il tuo respiro; la tua immagine; il tuo cuore che batte sul mio. Oggi sono qui. Niente può togliermi il mio "oggi".
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cristina Tarabella
      Un odio strisciante si insinua e mi prende.
      Mi avvolgono le spire funeste di un pensiero cattivo.
      Mi trovo a vagare fra meandri di mente, sconosciuti e osceni; pieni di sangue, furia, rabbia, morte... Strana sensazione, non si ribella la mente involta al suo interno nel contemplare immagini di distruzione...
      Anzi, essa esulta e si erge più alta, più forte...
      Quest'odio la nutre!
      Mi domando dove mi stia portando lo strisciare maligno di questo sentimento...
      E scopro ad un tratto che i miei denti digrignano di schiumosa furia...
      Inizio a sentire che sale; mi sale dentro l'odio viscereo e inconfessabile; per tutti; per tutto. Non posso più fermarlo; ha allagato tutto il mio essere.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cristina Tarabella

        A mio figlio

        Guardo il tuo volto bambino rapito da un sonno soave che ti conduce fra le stelle in volo, nel sogno, nella fantasia, a volare.
        Vedo il tuo dolce corpo disteso, abbandonato tranquillo al riposo e amo la tua anima, il tuo esistere, il mondo che mi hai donato.
        Batte il tuo cuore leggero e piano, perché niente lo turba e mi senti nel sonno che appoggio lieve un bacio sul tuo bellissimo viso.
        Senti l'amore di tua madre che ti dà forza, sicurezza, coraggio. Ma i tuoi fratelli, figlio mio adorato, i tuoi fratelli che ancora vivono nella Terra dove anche tu sei nato... Loro, amore mio, non possono dormire... La fame li tiene svegli. La solitudine li riempie di terrore. Una madre non sanno che esiste... Amore mio adorato!, ti ho strappato dalle fauci orrende di un Destino Maligno, ma quanti fratelli hai che sono divorati da esso! Troppi, troppi, troppi! Il mio pianto è per loro; eterno; insanabile; infinito. Ma tu sei nel tuo letto, con la tua mamma che carezza i tuoi riccioli neri come l'ebano...
        E tu sospiri di piacere tranquillo, sognando la mia mano sul tuo cuore...
        Anima mia.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cristina Tarabella
          Ho lottato con te. Ho perso.
          Mi hai vinta e distrutta.
          La mia vita ormai ti appartiene.
          Hai fatto di me la tua schiava.
          Un giorno avrei potuto vincerti, quando ancora il mio spirito dimorava fra i boschi in mezzo alla magia... Ma adesso! Adesso hai vinto tu!, perché sei più forte di me. Mi hai strappato tutta la mia innocente vanità. Hai fatto sanguinare la mia anima succhiandone i brandelli, fino a quando non li hai ridotti in cenere... Sei tu che hai distrutto il mio spirito e hai spogliato tutti i miei giorni della magia che così mi nutriva...
          Hai vinto.
          Ho perso.
          Sono tua schiava, Vita!
          Vota la poesia: Commenta