Scritta da: Silvana Stremiz

Quanto piú puoi

Farla non puoi, la vita,
come vorresti? Almeno questo tenta
quanto piú puoi: non la svilire troppo
nell'assiduo contatto della gente,
nell'assiduo gestire e nelle ciance.

Non la svilire a furia di recarla
cosí sovente in giro, e con l'esporla
alla dissennatezza quotidiana
di commerci e rapporti,
sin che divenga una straniera uggiosa.
Costantino Kavafis (Kostantinos Petrou Kavafis)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    E se non puoi la vita che desideri
    cerca almeno questo
    per quanto sta in te: non sciuparla
    nel troppo commercio con la gente
    con troppe parole in un viavai frenetico.

    Non sciuparla portandola in giro
    in balìa del quotidiano
    gioco balordo degli incontri
    e degli inviti,
    fino a farne una stucchevole estranea.
    Costantino Kavafis (Kostantinos Petrou Kavafis)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Per quanto sta in te

      Per quanto sta in te
      e se non puoi la vita che desideri
      cerca almeno questo
      per quanto sta in te: non sciuparla
      nel troppo commercio con la gente
      con troppe parole in un viavai frenetico.
      Non sciuparla portandola in giro
      in balìa del quotidiano
      gioco balordo degli incontri
      e degli inviti,
      fino a farne una stucchevole estranea.
      Costantino Kavafis (Kostantinos Petrou Kavafis)
      Vota la poesia: Commenta
        Quando partirai, diretto ad Itaca,
        che il tuo viaggio sia lungo
        ricco di avventure e di conoscenza.

        Non temere i Lestrigoni e i Ciclopi nè il furioso Poseidone;
        durante il cammino non li incontrerai
        se il pensiero sarà elevato, se l'emozione
        non abbandonerà mai il tuo corpo e il tuo spirito.
        I lestrigonu e i Ciclopi e il furioso Poseidone
        non saranno sul tuo cammino
        se non li porterai con te nell'anima,
        se la tua anima non li porrà davanti ai tuoi passi.

        Spero che la tua strada sia lunga.
        Che siano molte le mattine d'estate,
        che il piacere di vedere i primi porti
        ti arrechi una gioia mai provata.
        Cerca di visitare gli empori della Fenicia
        e raccogli ciò che v'è di meglio.
        Vai alle città dell'Egitto,
        apprendi da un popolo che ha tanto da insegnare.

        Non perdere di vista Itaca,
        poiché giungervi è il tuo destino.
        Ma non affrettare i tuoi passi;
        è meglio che il viaggio duri molti anni
        e la tua nave getti l'ancora sull'isola
        quando ti sarai arricchito
        di ciò che hai conosciuto nel cammino.
        Non aspettarti che Itaca è povera,
        non pensare che ti abbia ingannato.
        Perché sei divenuto saggio, hai vissuto una vita intensa,
        e questo è il significato di Itaca.
        Costantino Kavafis (Kostantinos Petrou Kavafis)
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di