Scritta da: Cleonice Parisi

È nel trascorso il tuo primo percorso

Non avrai sentieri
se di sentieri non avrai memoria;

È nel trascorso vissuto,
il tuo solo intuito,
è nel vivere di ieri
che tracciato avrai sentieri;

Non sottovaluta pioggia
chi alla sua terra ha dato foggia,
sa che sol nel suo cadere
frutto poi potrà vedere;

Non teme il tifone
chi manovra vele,
egli raccoglie in quel vento
la forza del suo movimento.

Non teme fame
chi nel mondo ha cucito trame,
sa che sol nel digiuno forzoso
della vita sarà realmente sposo.

Non avrai sentieri
se di sentieri non avrai memoria;

È nel passato il tuo coltivato,
è nel domani il frutto ritrovato;

Non sottovaluterai il trascorso,
è nel cuore di ciò che andato il tesoro trovato;

Guarderai con amore
anche a ciò che ti avrà ferito il cuore
e nel proceder innanzi
capirai di non aver lasciato avanzi;

È nel trascorso il tuo primo percorso.
Cleonice Parisi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cleonice Parisi

    L'offesa

    È buona cosa,
    lasciar all'offesa lo spazio per far dilagar parola,
    affinché in quello stesso mare affoghi.

    È buona cosa,
    lasciar all'offesa l'intero cielo,
    affinché sol del suo volo si scorga,
    ed il giudizio solo lei colga.

    È buona cosa
    nel subir offesa,
    non cader nella trappola tesa
    che vorrebbe sguainar spada alla difesa;

    L'offesa è una spada tesa,
    non accettar impresa
    per una terra già presa.

    L'eco dell'offesa arrecata nella valle del silenzio,
    raddoppierà il cordoglio nella sorniona montagna,
    che disturbata da quel molesto dire,
    apprezzerà della valle
    il suo non voler interloquire.

    Quando alle porte del tuo castello,
    busserà nemico armato,
    basterà non schiuder porta
    del suo ulterior bussar poco importa.

    È nell'offesa
    la pretesa e la trappola tesa,
    non aprirai castello
    per un inutil duello.
    Cleonice Parisi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cleonice Parisi

      Costruisciti Uomo

      Ci sono passioni che bruciano illuminando le nere notti,
      riconosci la tua fiamma e alimentala, ora credi in te.

      Costruisciti Uomo,
      del tuo cammino possiedi la chiave
      riconosciti guardiano del cancello del domani.

      Costruisciti Uomo,
      è nella tua volontà il tuo primo pregio
      e la tua sola ricchezza;

      Costruisciti Uomo,
      è nel sogno di un domani il tuo cuore caldo
      ma è nella vita d'oggi che dovrai depositarne seme.

      Costruisciti Uomo,
      sei tu l'artefice del tuo vivere
      costruiscilo così come suggeriscono i sogni;

      Costruisciti Uomo
      è in te la fiamma che illuminerà la tua notte,
      accendi il tuo fuoco,
      ora credi in te.
      Cleonice Parisi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cleonice Parisi

        Il sentiero della regnanza

        Re e Regine
        sarete se pedine non resterete
        e nel riconoscere il sentiero della regnanza danzerete infine nella vostra luminosa stanza,
        dove del dire vero conoscerete il pensiero:

        "In voi è il canto vero dell'unico sentiero;
        In voi è la luce che vi concederà pace;
        In voi è la sembianza in cui il cuore danza;
        In voi è la luna che accenderà fortuna;
        In voi è quel sole che vi concederà amore".

        Re e Regine
        sarete ed insieme canterete
        dello stesso canto che un dì vi trasse dall'incanto:

        Re e Regine
        sarete se pedine non resterete
        e nel riconoscere il sentiero della regnanza
        danzerete infine nella vostra luminosa stanza,
        dove del dire vero conoscerete il pensiero:

        "In voi è la luna che accenderà fortuna;
        In voi è quel sole che vi concederà amore".

        Re e Regine
        sarete quando nel vostro cuor vi bagnerete e consci del divin sentire
        vi innalzerete oltre il solito udire:

        Re e Regine
        sarete se pedine non resterete
        e nel riconoscere il sentiero della regnanza
        danzerete infine nella vostra luminosa stanza,
        dove del dire vero conoscerete il pensiero:

        "In voi è la luna che accenderà fortuna;
        In voi è quel sole che vi concederà amore".

        Re e Regine sarete
        quando sul sentiero della regnanza
        vi muoverete in un'unica danza.
        Cleonice Parisi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cleonice Parisi

          Le parole del cuore

          Sono fiori le parole,
          dal profumo gentile
          o dal lezzo latente
          dipende dal cuore della gente.

          Sono fuoco le parole,
          colpiscono,
          feriscono,
          intimoriscono
          e troppo spesso tradiscono.

          Le parole
          dono o danno,
          solo i cuori lo sanno;

          Delle parole
          ne ascolterai il profumo
          e ne assumerai il colore,
          prima di donarle al cuore.

          Nelle parole la ricchezza
          che saprà donar certezza;

          È in te il colore
          per dipinger un mondo d'amore;

          Se al cuore vorrai arrivare
          le sue parole dovrai adoperare;

          Trasparente è il cuore
          quando il suo dir è amore.

          Che le tue parole
          siano dono e non danno,
          nel mondo c'è già troppo affanno.
          Cleonice Parisi
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di