Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Cleonice Parisi

Figlio della Vita

Componi la musica del tuo cuore con le note della tua vita,
e non cercare l'arpa magica
che promette mistiche ed enfatiche dissolvenze.

In te è l'unico strumento in grado di armonizzare la musica dell'anima.

Dissolvi l'incredulità del tuo non riconoscerti anima pregna,
abbatti le mura che ostacolano i tuoi passi.

Diffida dal proferir del verbo insano,
frutto del tuo stesso dire,
e costruisci la tua nuova dimensione
con le tue sole mani.

Solo attraverso quest'ottica diversa,
ascolterai il canto melodioso del tuo essere unico,
e ti riscoprirai figlio della vita.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cleonice Parisi

    Anima

    Anima,
    sarà nel canto di un bambino,
    che rivivrò il mio cammino;

    Anima,
    sarà negli occhi del mondo,
    che ascolterò il mio profondo;

    Anima,
    ti cerco e ti imploro
    fa che nel mio cuore si accenda il tesoro;

    Anima,
    è nel tuo guardar che cerco conforto,
    ma in questa vita il mondo è contorto;

    Anima,
    destati prima che il funesto addio mi prenda
    solo nella tua terra voglio metter tenda;

    Anima,
    è giunto il tuo istante
    fa che l'uomo diventi grande.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cleonice Parisi

      Quanti Uffa e quanti No

      Quanti Uffa e quanti No,
      quasi, quasi te le do.

      Quando dico:
      Lava i denti!
      Sembra quasi ti tormenti.

      E se poi dobbiam studiare,
      mi diventi un funerale;

      Se ti dico:
      Tu fai il grande!
      Mi rispondi:
      Sei pesante!

      Quanti Uffa e quanti No,
      quasi, quasi te le do.

      Se poi chiedi questo e quello
      mi diventi anche monello;

      Quando il piatto è preparato
      sembri quasi disgustato;

      E se dico:
      Stai composto!
      Tu fai subito l'opposto.

      Quanti Uffa e quanti No,
      non stupisco neanche un po'.

      Anche io bambin son stata
      e son bene preparata.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cleonice Parisi

        La cornice dei tempi

        La cornice dei tempi,
        saprà imprimere nei tuoi pensieri il diritto cammino
        e quando sarai giunto a toccar con mano
        il frutto del tuo desiderio,
        capirai
        che i passi trascorsi erano il giusto cammino
        per giungere al sorriso,
        che ora vedi riflesso
        nello specchio della tua anima.

        La cornice dei tempi
        sussurrerà al tuo orecchio un nome
        e di quel nome tu rivestirai il tuo io profondo
        e di quel nome tu parlerai al mondo.

        La cornice dei tempi,
        racchiuderà un dipinto che con mano attenta avrà
        affrescato l'artista celato dal tuo animo,
        e di quel ritratto
        tu sarai l'indiscusso protagonista.

        Nessun passo fatto,
        e nessun passo non fatto,
        lascerà tela bianca
        ogni elemento del vivere ha in se il suo colore.

        È nell'insieme l'armonia della tua esistenza.

        Confida nel passo che a te è dato,
        lungo o breve che sia
        è l'unica cosa che ti apparterrà
        davvero.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cleonice Parisi

          Ricorda

          Quando della bruma io sarò spuma,
          vorrei diventar la tua luna.

          Vorrei aver del sole le mani
          e della notte essere la stella,
          vorrei possedere il canto di una sirena
          che il tuo cuor non incanta
          ma che al viver lo comanda.

          Vorrei esser la luce di un giorno
          che non conosce tramonto,
          vorrei sondar per te gli abissi
          e toglierti dalle spalle crocifissi.

          Vorrei essere il tuo faro,
          e della tua nave essere lì al varo.

          Vorrei esserci...
          ma se così non fosse,
          ricorda
          in cielo non ci sarà corda
          che di te mi scorda.

          In te cuore del mio cuore
          la continuazione del mio amore.

          Quando della bruma io sarò spuma
          tu guarderai alla luna,
          non ci sarà corda che di te mi scorda.

          Ricorda.
          Vota la poesia: Commenta