Scritta da: Cleonice Parisi

Ho fatto sangue di te

Ho fatto sangue di te

Ho fatto sangue di te,
e dei tuoi pensieri come fresco ruscello ho irrorato i miei campi in fiore.

Ho fatto sangue di te,
e delle tue mani ho fatto sogni per accarezzare i miei sogni

Ho fatto sangue di te,
e del tuo parlare la luce dei giorni avvenire;

Ho fatto sangue di te,
ora che nel corpo del mio corpo fluidamente scorri ad irrorarmi di vita.

Ho fatto sangue di te per vivere in me.
Cleonice Parisi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cleonice Parisi

    Scolpiti nel Vento

    Il vento non spazzerà via
    chi del proprio esistere
    ne avrà fatto scultura.

    Vento spietato aguzzino
    che troppe vittime mieti
    solo l'uomo vero lascerai in piedi.

    Sul suo capolavoro
    non getterai ombra,
    neanche quando sarà nella tomba.

    Vento spietato aguzzino
    che troppe vittime mieti
    solo l'uomo vero lascerai in piedi.

    Quando monumento
    ti troverai innanzi
    di quel vissuto
    tu non cercherai gli avanzi;

    Vento spietato aguzzino,
    che troppe vittime mieti
    solo l'uomo vero lascerai in piedi.

    Uomo scolpirai nel vento ogni momento
    e col la mano al cuore tu saprai costruir amore
    e a quel tuo monumento
    niente potrà poi fargli il vento.
    Cleonice Parisi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cleonice Parisi

      La Rosa dei Venti

      Rosa era bella come una stella,
      cercava tra i Venti i suoi pretendenti.

      Son l'Ostro e mi prostro.
      È il mio primo posto?

      Poi giunse dal mare il vento Maestrale:

      Al tuo primo posto mi inchino sir Ostro
      ma inver poco vale, io sono il Maestrale.

      Permesso, permesso,
      son giunto or, ora,
      che in giro si sappia io sono la Bora;

      È giunto tra voi il vento Scirocco,
      suonate campane il vostro rintocco!

      Scusate se sfreccio
      io sono il Libeccio,
      non è per capriccio
      ma tolgo l'impiccio.

      Non vale, non vale
      son su per le scale
      aprite il portale
      io sono il Grecale;

      La giovane Rosa rispose un po' ombrosa:

      Non basta una prosa
      per cogliere Rosa
      non dono il mio cuore
      se non sento amore!
      Cleonice Parisi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cleonice Parisi

        Le parole del cuore

        Sono fiori le parole,
        dal profumo gentile
        o dal lezzo latente
        dipende dal cuore della gente.

        Sono fuoco le parole,
        colpiscono,
        feriscono,
        intimoriscono
        e troppo spesso tradiscono.

        Le parole
        dono o danno,
        solo i cuori lo sanno;

        Delle parole
        ne ascolterai il profumo
        e ne assumerai il colore,
        prima di donarle al cuore.

        Nelle parole la ricchezza
        che saprà donar certezza;

        È in te il colore
        per dipinger un mondo d'amore;

        Se al cuore vorrai arrivare
        le sue parole dovrai adoperare;

        Trasparente è il cuore
        quando il suo dir è amore.

        Che le tue parole
        siano dono e non danno,
        nel mondo c'è già troppo affanno.
        Cleonice Parisi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cleonice Parisi

          La Preziosità Incommensurabile - L'attimo

          Cogli la preziosità incommensurabile di un istante,
          l'oggi è già prezioso
          non è nell'incertezza del domani la sua corona,
          l'oggi è già sovrano riconoscilo tale.

          Il nostro tempo,
          inestimabile tesoro
          nelle mani di un vento inquieto,
          al collo del più feroce dei draghi;

          Cogli la preziosità indefinibile di un momento,
          l'oggi è già prezioso
          non farlo fluire nella sacca del tempo
          senza tributargli il tuo applauso,
          non è nel ricorrere il domani
          che avrai colto la vita a piene mani;

          Il nostro tempo,
          inestimabile tesoro
          nelle mani di un vento inquieto,
          al collo del più feroce dei draghi;

          Cogli l'unicità di un attimo
          e attimo dopo attimo
          avrai reso la tua vita Unica.

          Il nostro tempo sovrano
          incatenato alla paura di vivere
          rimpiangerai il passato
          rincorrerai il futuro
          pur di non riconoscerti nell'oggi.

          Cogli l'attimo,
          è nel suo cuore il tesoro che renderà la tua vita unica;

          Guarderai negli occhi del tuo drago
          e nel riconoscere la sua umanità
          avrai colto il tuo tempo.
          Cleonice Parisi
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di