Scritta da: Cleonice Parisi

Chi è causa del suo mal pianga se stesso

Ciò che l'uomo produce,
a se stesso resta.

Nulla di ciò che pensi,
navigherà lontano dal tuo animo,
ogni pensiero ti accompagnerà dall'alba al tramonto
e dal tramonto alla notte.

Non creda l'uomo d'esser immune dai suoi stessi oscuri pensieri,
i mali che lo affliggono altro non sono che i suoi frutti malati.

Sempre grida i suoi affanni l'uomo afflitto,
e della sua voce ne ha orecchie la montagna e il mare,
ma delle sue colpe ne ha la certezza il cuore.

Raccogli le tue lacrime e pesane il senso,
raccogli i tuoi sorrisi e pesane il senso,
la bilancia del vivere troverà sempre in se il suo equilibrio
se a guidarla sarà stata la mano del tuo cuore.
Cleonice Parisi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cleonice Parisi

    La lacrima di un fiore

    Non si traveste il mondo agli occhi del profondo,
    del suo oscuro dire non potrà mentire
    e dei suoi bui abissi,
    troppi manifesti avrà affissi.

    Nella lacrima di un fiore
    ascolterai il tuo Cuore.

    Non si traveste il mondo agli occhi del profondo,
    del suo mare strano lo consacrerà capitano
    e del suo inutile dire,
    spesso lo potrà ferire.

    Nella lacrima di un fiore
    ascolterai il tuo Cuore.

    Non si traveste il mondo agli occhi del profondo
    del suo infido amore gli avrà donato fiore
    e nel derubar sogni,
    schiaccerà i suoi sacri bisogni.

    Nella lacrima di un fiore
    ascolterai il tuo Cuore.

    Ma nel cammino di una vita ogni cosa sarà chiarita,
    e del pensiero vero,
    l'uomo profondo svelerà sentiero.

    Nella lacrima di un fiore
    ascolterai il tuo Cuore.
    Cleonice Parisi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cleonice Parisi

      Le bocche dell'esistenza.

      Ogni bocca del tuo vivere implora la tua costanza,
      e la tua costanza userà il tuo tempo
      come una clessidra stagliata nel cielo del domani
      contando i rintocchi del suo orologio interiore
      all'inverso.

      Tu distribuirai nutrimento laddove il tuo occhio intenderà carpirne necessità.

      Ma se malevole dire ti avrà tratto in inganno,
      verso l'ardimentoso incedere di una sola delle bocche,
      le altre voci affrante e affamate, abbandonate al loro destino,
      torneranno a percuoterti l'anima,
      sino a quando non avrai voltato lo sguardo al loro dire,
      colmandone il vuoto.

      Cesseranno i tormenti del tuo cuore,
      solo quando avrai sfamato tutte le bocche del vivere.
      Di tanti colori è adorna la veste di chi conduce il passo verso la luce,
      e non di una sola tinta sarà il tuo abito nuziale.

      Avanza tra i mille veli della tua essenza
      nessun colore dovrai trascurare
      se vorrai davvero realizzare la tua esistenza.
      Cleonice Parisi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cleonice Parisi

        Le stelle impalpabili

        Attraverso il tuo dire
        trapunterai di luce il mantello dei sogni,
        non lascerai parola che resta
        se non l'avrai proferita attraverso la voce dell'anima.

        Ricama il vivere della tua essenza
        ora che hai in animo la sua stella più lucente,
        quel dire antico non ti appartiene più,
        riconosciti.

        Annuncia la tua santa meraviglia
        a chi ancora non crede
        che si possa vivere tra le mura di un anima
        che ha nel cielo la sua unica dimensione.

        Sappi guardare attraverso
        il non dire di chi ti è al fianco
        e capirai che l'amore chiede grandi spazi
        per diffondere il proprio respiro.

        Concepisci il guardare
        anche quando nel guardare non scorgerai stelle.

        Le stelle vestono di trasparente dimensione
        quando sanno d'esser viste,
        allunga le mani
        il non vederle non le renderà impalpabili.

        Sia di questo giorno il tuo concepir missione,
        e di questa missione ne farai bandiera
        in una vita che accenderà di luce il mondo.
        Cleonice Parisi
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cleonice Parisi

          Tra la notte e il giorno

          Nella notte del vivere accenderai la tua stella,
          e nel seguirne il suo fluido scorrere,
          camminerai sino alla luce del tuo sole.

          Nella nuova visione riconoscerai in te fertile terra,
          e nel suo generoso grembo seminerai i tuoi sogni.

          L'attesa non t'invecchierà
          niente langue laddove c'è terra fertile,
          e alla luce della consapevolezza tu raccoglierai un florido raccolto.

          Tra la notte e il giorno
          camminerai inconsapevole verso la tua meravigliosa vita.

          Accendi la tua stella e dai inizio al viaggio.
          Cleonice Parisi
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di