Scritta da: Cleonice Parisi

L'offesa

È buona cosa,
lasciar all'offesa lo spazio per far dilagar parola,
affinché in quello stesso mare affoghi.

È buona cosa,
lasciar all'offesa l'intero cielo,
affinché sol del suo volo si scorga,
ed il giudizio solo lei colga.

È buona cosa
nel subir offesa,
non cader nella trappola tesa
che vorrebbe sguainar spada alla difesa;

L'offesa è una spada tesa,
non accettar impresa
per una terra già presa.

L'eco dell'offesa arrecata nella valle del silenzio,
raddoppierà il cordoglio nella sorniona montagna,
che disturbata da quel molesto dire,
apprezzerà della valle
il suo non voler interloquire.

Quando alle porte del tuo castello,
busserà nemico armato,
basterà non schiuder porta
del suo ulterior bussar poco importa.

È nell'offesa
la pretesa e la trappola tesa,
non aprirai castello
per un inutil duello.
Cleonice Parisi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cleonice Parisi

    Farfalla in Volo

    Dilata l'anima al canto del mondo
    e del mondo ascolterai il palpitare intenso;

    Dilata l'anima al canto libero del vento
    che soffia nella luce di un fiore,
    e danza attraverso i suoi nobili colori;

    Danzerai con la musica nel cuore
    quando l'armonica canzone della vita
    avrà seminato in te il suo sorriso.

    Tu farfalla dalla luce interiore
    ti solleverai oltre il canto umano
    per raggiungere la stella del tuo vivere
    oltre quella oscura nube
    che nasconde al vivere
    il suo prezioso tesoro.

    Danzerai nei cieli
    e tu sarai mistica essenza tra i raggi
    di quella stella che porta il tuo nome.

    Dilata l'anima al canto melodioso del vivere,
    saggia il frutto celato dalla dura scorza
    di cui ti sei nutrito per consolidare comprensione.

    Schiuderai ali immense
    per librarti in volo nei sentieri incantati di un vivere diverso,
    dove cibo per l'anima sarà il suo solo canto.

    Farfalla in volo aprirai ali
    che sorprenderanno le stelle del vivere per grandezza e colore,
    ma l'immensità del cielo non avrà in se stupore,
    attesa era la tua luce laddove solo luce è.
    Cleonice Parisi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cleonice Parisi

      La giusta via

      Cammina laddove la luce è in ombra e sentirai le voci dire:
      "È laggiù la nuvola che nasconde il sole".

      Cammina laddove chi ti guida saprà condurti, e nel segno del suo cammino tu giungerai a casa.

      Gli ostacoli non fermeranno il tuo procedere, e tu sarai nella luce prima che il tuo diniego giunga li dove tendi.

      La tua voce è nel cuore del vivere, sappi ascoltarne l'eco d'amore che il vivere stesso riporterà al tuo essere.

      Vivi il tuo cammino con sollievo, la via è quella giusta.
      Cleonice Parisi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cleonice Parisi

        Arroccato nel Cuore

        Arroccato nel cuore,
        alte e solide mura avrà innalzato la tua paura
        attorno a quelle che crederai
        le tue certezze;

        Fermerai il graffiare dell'insensato vento
        ma il tuo invalicabile scudo
        limiterà anche i semi nuovi;

        Il vento troverà muro
        il muro combatterà vento
        e il tuo cuore resterà nel suo tormento
        a ribollir nelle acque stagnanti
        dove solo il riconsiderare antiche conquiste
        farà vibrar in superficie le acque
        ma non ne scuoterà i torbidi abissi;

        Riconsidererai
        alla luce della tua fioca candela
        e nella penombra della tua comprensione
        non scorgerai il cielo acceso
        al di là del tuo muro,
        che busserà con mani di vento
        alla tua porta chiusa.

        Riconsidererai,
        sempre e solo bevendo dalle tue torbide acque;

        Abbatta le mura l'arroccato nel cuore
        e faccia transumar i venti
        dal fuori al dentro
        e dal dentro al fuori.

        Sacra è l'icona dipinta dalla sua mano
        ma se occhio non coglie l'arcobaleno
        da quali colori avrà allora attinto le sue tinte.

        Abbatta le mura l'arroccato nel cuore
        e respiri il vento del vivere
        il suo graffio spinoso
        altro non è che il guanto
        della carezzevole comprensione.
        Cleonice Parisi
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di