Poesie di Claudio Visconti De Padua

Dipendente Regione Campania, nato venerdì 25 aprile 1969 a avellino
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Le tue mani
leggiadre come farfalle
planarono sui miei polsi
e le mie braccia
il mio petto
furono come attraversati
da impetuose scosse
che scorrevano
sottopelle.
Le tue mani calde
a custodirmi
dal vento della malinconia
a rifiorire in me sensi
ibernati nel freddo dell'ipocrisia!
In quel tepore trasmesso
in me, nell'anima mia,
ci fu letizia
un tripudio d'agio
e mi lasciavo abbandonare.
Le tue mani
compiutamente
sulle mie
a placare l'errare
di un amore in perdizione
per il rifiorir di un amore
senza condizione.
Claudio Visconti De Padua
Composta domenica 16 novembre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Petali di rose
    sono le tue vesti
    lasciate su quel letto disfatto!
    Il tuo profumo aleggia
    in quella camera buia.
    E le tue unghie sono spine
    che lasciano segni sulla pelle!
    In quel giardino della tua anima
    io colgo fiori colorati,
    profumi misti di natura
    m'inebriano i sensi.
    Dalle tue labbra
    baci dolci come miele;
    tu sei la mia sostanza vitale.
    Claudio Visconti De Padua
    Composta domenica 9 novembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Chissà se mi pensi come ti penso io,
      se così fosse,
      i nostri pensieri sarebbero musica,
      e le immagini repertori
      di felicità!
      Chissà se mi pensi come lo faccio io,
      così intensamente,
      così frequentemente,
      è densa la tua presenza
      in questa notte fredda!
      Chissà se nel pensarmi provi quello che provo io:
      Un intenso tremore
      un vertiginoso rumore nell'anima,
      brividi che solcano i binari della pelle,
      sei in ogni piccola parte del mio corpo
      perché il tuo di corpo è in me,
      e la mia anima viaggia con te
      libera di spaziare ovunque sia
      la tua meta o la tua destinazione!
      Chissà se mi pensi come fa la mia mente
      prima di serrare le palpebre,
      nel buio più profondo m'appari limpida
      e sento il tuo profumo
      aleggiare sulle mie gote
      residui di baci e carezze
      intramontabili!
      Chissà se mi pensi anche quando io non lo faccio
      credo di sì, sento questa dinamica sintonia
      che dimora in noi
      nel nostro cuore
      pur distanti
      ma costanti
      nell'amore.
      T'amo più della vita
      perché la mia vita
      nulla sarebbe senza te.
      Claudio Visconti De Padua
      Composta martedì 28 ottobre 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di